diredonna network
logo
Stai leggendo: 5 comportamenti comuni che vi faranno sentire delle brutte persone

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

5 comportamenti comuni che vi faranno sentire delle brutte persone

Ci sono 5 comportamenti che noi assumiamo nella quotidianità e che ci trasformano in cattive persone in pochi secondi. Pensate di essere immuni? Leggete un po' e fate "mea culpa!"
brutte-persone
(Foto:web)

Se pensiamo di essere al 100% delle brave persone dobbiamo ricrederci. Ci sono infatti alcuni comportamenti che tutti adottiamo senza rendercene conto e ci trasformano in pessime persone in pochi secondi. 5 verità scomode che sarà difficile confutare. Provate ad essere sinceri con voi stessi e contate quante di queste 5 azioni vi appartengono.

(Siate pure onesti, nessuno a parte voi può scoprire la verità!)

Scappare o nascondersi davanti ad un ex

(Foto:web)
(Foto:web)

Non è sicuramente il gesto più chic del mondo, ne il più maturo, ma quando si incontra involontariamente un ex (soprattutto se la scottatura è recente) l’istinto è quello di nascondersi o di fuggire a gambe levate per trasformarsi poi in agenti segreti tra alberi, scaffali del supermercato e via dicendo.

Non voglio soffermarmi troppo se poi l’ex in questione lo si incontra con il nuovo partner. Scintille a velocità della luce. (e per la Legge di Murphy quando succede non sei mai in ordine! Mai!)

Non essere sempre felici per gli amici

gossip-amiche
(Foto:web)

Si fa presto a dire “Se sei felice tu lo sono anch’io” ma nella vita reale poi non è sempre così scontato. Ci sono periodi in cui un po’ di sano egoismo è necessario e amici che ti sbattono in faccia la loro gioia, che sia lavorativa, amorosa o quant’altro diventano davvero fastidiosi. E, con il cuore in mano, ammettiamolo, spesso non siamo felici per loro e nonostante il bene che possiamo volere, la speranza è quella che nel mentre raccontano la loro vita meravigliosa, un uccello faccia i bisogni sulla loro testa.

Ridere delle persone che cadono

ragazza-che-ride
(Foto:web)

Ben poco da spiegare. Che siano sconosciuti, anziani, bambini, famigliari, quando qualcuno cade per terra all’improvviso, in stile “Paperissima” la reazione immediata non è sicuramente quella di aiutare chi si trova con il sedere per terra, ma scoppiare in una risata imbarazzante quanto spontanea.

Touchè.

Far finta di dormire sui mezzi pubblici

(Foto:web)
(Foto:web)

Quante volte, stanchi da una giornata intensa o da una levataccia, ci siamo seduti sui mezzi pubblici facendo finta di addormentarci per non far sedere nessun altro? Se è scorretto lasciare una vecchietta in piedi sul bus, nel momento in cui gli occhi rimangono socchiusi forse ci penserà un altro passeggero. Infondo stavamo dormendo, nessuno può insultarci e darci dei maleducati.

Odiare i pedoni

morta-ragazza-strisce-pedonali
(Foto:web)

Quante volte al volante abbiamo odiato i pedoni? E quante volte da pedoni abbiamo odiato gli automobilisti? Poi i ciclisti li odiano tutti, quello è un altro discorso. Da automobilisti spesso ignoriamo le strisce pedonali, e da pedoni insultiamo a gran voce quando, sulle strisce, nessuno si ferma per farci passare.

Un po’ di coerenza non sarebbe male, ma infondo, siamo belli tutti perchè complicati.