diredonna network
logo
Stai leggendo: Incinta e anoressica: un corpo fragile, il bambino rischia la vita

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

Oroscopo dal 13 al 19 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Occhi al cielo: arrivano la luna rosa e la cometa verde

Omicidio di identità: "Sfregiare con l'acido è uccidere"

Incinta e anoressica: un corpo fragile, il bambino rischia la vita

Una giovanissima madre che soffre di anoressia.Un corpo che si rompe, non riuscendo a sopportare il peso della gravidanza.
donna-incinta

Holly è una giovanissima mamma londinese di soli 19 anni, che da ben 7 combatte contro l’anoressia. La donna aspetta un bambino all’ottavo mese di gravidanza, ma pesa solo 48chili. Holly ha già portato a termine una gravidanza con non poche difficoltà, addirittura, i chili presi con la gravidanza hanno comportato la rottura delle costole.

Al Daily Mail la donna racconta: “Quando ho scopreto di essere incinta ero terrorizzata all’idea di prendere nuovamente peso, perchè so che devo mangiare ma è difficile allontanare le voci dalla mia mente che mi dicono che sono troppo grassa”.

Purtroppo l’anoressia è più facile superarla fisicamente che con la testa. Nel suo caso inoltre, la giovane ha già iniziato prematuramente ad avere delle contrazioni perchè il suo corpo non riesce a tollerare lo stress della gravidanza.

Il bambino però non è ancora ben formato e l’assenza del peso ideale potrebbe costargli la vita.

Non è il primo caso di una gravidanza per chi soffre di anoressia, ma sorge sempre lo stesso dubbio:

per amare gli altri non è necessario prima imparare ad amare sè stessi?