diredonna network
logo
Stai leggendo: Incinta e anoressica: un corpo fragile, il bambino rischia la vita

Isabelle Caro e l'anoressia: "Non volevo crescere per piacere a mia mamma"

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

Animoji: con iPhone X le emoji si animano con il tuo volto

Incinta e anoressica: un corpo fragile, il bambino rischia la vita

Una giovanissima madre che soffre di anoressia.Un corpo che si rompe, non riuscendo a sopportare il peso della gravidanza.
donna-incinta
(Foto:web)

Holly è una giovanissima mamma londinese di soli 19 anni, che da ben 7 combatte contro l’anoressia. La donna aspetta un bambino all’ottavo mese di gravidanza, ma pesa solo 48chili. Holly ha già portato a termine una gravidanza con non poche difficoltà, addirittura, i chili presi con la gravidanza hanno comportato la rottura delle costole.

Al Daily Mail la donna racconta: “Quando ho scopreto di essere incinta ero terrorizzata all’idea di prendere nuovamente peso, perchè so che devo mangiare ma è difficile allontanare le voci dalla mia mente che mi dicono che sono troppo grassa”.

Purtroppo l’anoressia è più facile superarla fisicamente che con la testa. Nel suo caso inoltre, la giovane ha già iniziato prematuramente ad avere delle contrazioni perchè il suo corpo non riesce a tollerare lo stress della gravidanza.

Il bambino però non è ancora ben formato e l’assenza del peso ideale potrebbe costargli la vita.

Non è il primo caso di una gravidanza per chi soffre di anoressia, ma sorge sempre lo stesso dubbio:

per amare gli altri non è necessario prima imparare ad amare sè stessi?