diredonna network
logo
Stai leggendo: Incinta e anoressica: un corpo fragile, il bambino rischia la vita

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Incinta e anoressica: un corpo fragile, il bambino rischia la vita

Una giovanissima madre che soffre di anoressia.Un corpo che si rompe, non riuscendo a sopportare il peso della gravidanza.
donna-incinta
(Foto:web)

Holly è una giovanissima mamma londinese di soli 19 anni, che da ben 7 combatte contro l’anoressia. La donna aspetta un bambino all’ottavo mese di gravidanza, ma pesa solo 48chili. Holly ha già portato a termine una gravidanza con non poche difficoltà, addirittura, i chili presi con la gravidanza hanno comportato la rottura delle costole.

Al Daily Mail la donna racconta: “Quando ho scopreto di essere incinta ero terrorizzata all’idea di prendere nuovamente peso, perchè so che devo mangiare ma è difficile allontanare le voci dalla mia mente che mi dicono che sono troppo grassa”.

Purtroppo l’anoressia è più facile superarla fisicamente che con la testa. Nel suo caso inoltre, la giovane ha già iniziato prematuramente ad avere delle contrazioni perchè il suo corpo non riesce a tollerare lo stress della gravidanza.

Il bambino però non è ancora ben formato e l’assenza del peso ideale potrebbe costargli la vita.

Non è il primo caso di una gravidanza per chi soffre di anoressia, ma sorge sempre lo stesso dubbio:

per amare gli altri non è necessario prima imparare ad amare sè stessi?