diredonna network
logo
Stai leggendo: Non riceve l’sms della fidanzata: era morta in un incidente

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Non riceve l'sms della fidanzata: era morta in un incidente

Il fidanzato non riceve il classico messaggio della buonanotte e preoccupato esce a cercare la sua compagna.Un'angosciante scoperta che distrugge l'uomo e un'intera famiglia.
maria-gaetani

Maria Gaetani era solita inviare un messaggio al fidanzato quando rientrava a casa ma questa volta il messaggio non è arrivato e lui va a cercarla, trovandola priva di vita in un terribile incidente stradale. Maria avrebbe compiuto 29 anni giovedì e lo schianto mortale è avvenuto a pochi chilometri da casa.

Un botto che alle 2,30 del mattino non ha lasciato scampo alla giovane. Della sua Fiat Punto non è rimasto altro che un groviglio di lamiere.

Sulla strada provinciale 62 (Strada Nuova)che da La Salute di Livenza porta a Caorle, Maria ha perso il controllo dell’auto, schiantandosi sul muretto di un ponticello, finendo nel canale che costeggiata la strada.

Preoccupato per quell’sms che non arrivava, il fidanzato ha provato più volte a telefonarle, senza avere risposte. Quel terribile presagio che alla ragazza potesse essere successo qualcosa lo ha convinto a salire in auto e a percorrere la stessa strada che Maria faceva per rincasare. Alle 5 del mattino circa ha notato l’auto della fidanzata.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del Suem, partiti dal punto di primo intervento di Caorle, con i vigili del fuoco e i carabinieri della Radiomobile. La giovane era incastrata in ciò che rimaneva dell’abitacolo, con l’auto praticamente sommersa dall’acqua. I soccorritori sono riusciti a liberarla e a portarla a riva. Ma tentare di salvarla è stato inutile. La giovane era morta sul colpo. 

Ad attendere Maria a casa c’erano i genitori, Egidio e Fiorella Catto, con i fratelli della vittima, Marta, Elisa, Pietro e Paola.