diredonna network
logo
Stai leggendo: “Le donne godono ad essere stuprate” polemica per le parole del giudice

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Oroscopo dal 21 al 27 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

"Le donne godono ad essere stuprate" polemica per le parole del giudice

Pesanti dichiarazioni quelle di un giudice durante una sentenza per stupro ai danni di una ragazzina di soli 13 anni.Immediatamente sono state chieste le dimissioni.
stupro-petizione-online
Dichiarazioni che hanno scatenato l’ira del popolo quelle di un giudice della corte distrettuale di Tel Aviv che ha dunque consegnato le dimissioni. Le parole che hanno scatenato la polemica sono state: “Alcune donne durante lo stupro godono”. Nissim Yeshaya, questo il nome del giudice, presiedeva l’udienza relativa ad un caso di stupro di gruppo a danni di una ragazzina israeliana di 13 anni, quando ha pronunciato quelle infelici parole.
Si è poi scusato e ha detto che la frase è stata estrapolata fuori dal contesto.
 

Il primo ministro di Tel Aviv però, Benjamin Netanyahu, ha criticato molto aspramente il giudice ritirando il suo sostegno per la nomina del giudice a capo della corte interna del suo partito Likud. Diversi i deputati che hanno chiesto il licenziamento immediato del giudice.

In un annuncio congiunto avvenuto mercoledì scorso, il ministro della giustizia israeliano e il presidente della Corte Suprema hanno ascoltato Yeshaya nel corso di un’audizione, dove quest’ultimo ha espresso il suo desiderio di lasciare il suo posto.