diredonna network
logo
Stai leggendo: “Le donne godono ad essere stuprate” polemica per le parole del giudice

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

"Le donne godono ad essere stuprate" polemica per le parole del giudice

Pesanti dichiarazioni quelle di un giudice durante una sentenza per stupro ai danni di una ragazzina di soli 13 anni.Immediatamente sono state chieste le dimissioni.
stupro-petizione-online
Dichiarazioni che hanno scatenato l’ira del popolo quelle di un giudice della corte distrettuale di Tel Aviv che ha dunque consegnato le dimissioni. Le parole che hanno scatenato la polemica sono state: “Alcune donne durante lo stupro godono”. Nissim Yeshaya, questo il nome del giudice, presiedeva l’udienza relativa ad un caso di stupro di gruppo a danni di una ragazzina israeliana di 13 anni, quando ha pronunciato quelle infelici parole.
Si è poi scusato e ha detto che la frase è stata estrapolata fuori dal contesto.
 

Il primo ministro di Tel Aviv però, Benjamin Netanyahu, ha criticato molto aspramente il giudice ritirando il suo sostegno per la nomina del giudice a capo della corte interna del suo partito Likud. Diversi i deputati che hanno chiesto il licenziamento immediato del giudice.

In un annuncio congiunto avvenuto mercoledì scorso, il ministro della giustizia israeliano e il presidente della Corte Suprema hanno ascoltato Yeshaya nel corso di un’audizione, dove quest’ultimo ha espresso il suo desiderio di lasciare il suo posto.