diredonna network
logo
Stai leggendo: “Le donne godono ad essere stuprate” polemica per le parole del giudice

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

"Le donne godono ad essere stuprate" polemica per le parole del giudice

Pesanti dichiarazioni quelle di un giudice durante una sentenza per stupro ai danni di una ragazzina di soli 13 anni.Immediatamente sono state chieste le dimissioni.
stupro-petizione-online
Dichiarazioni che hanno scatenato l’ira del popolo quelle di un giudice della corte distrettuale di Tel Aviv che ha dunque consegnato le dimissioni. Le parole che hanno scatenato la polemica sono state: “Alcune donne durante lo stupro godono”. Nissim Yeshaya, questo il nome del giudice, presiedeva l’udienza relativa ad un caso di stupro di gruppo a danni di una ragazzina israeliana di 13 anni, quando ha pronunciato quelle infelici parole.
Si è poi scusato e ha detto che la frase è stata estrapolata fuori dal contesto.
 

Il primo ministro di Tel Aviv però, Benjamin Netanyahu, ha criticato molto aspramente il giudice ritirando il suo sostegno per la nomina del giudice a capo della corte interna del suo partito Likud. Diversi i deputati che hanno chiesto il licenziamento immediato del giudice.

In un annuncio congiunto avvenuto mercoledì scorso, il ministro della giustizia israeliano e il presidente della Corte Suprema hanno ascoltato Yeshaya nel corso di un’audizione, dove quest’ultimo ha espresso il suo desiderio di lasciare il suo posto.