diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme bomba: in realtà è il Gps installato da un marito geloso

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

Oroscopo dal 13 al 19 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Occhi al cielo: arrivano la luna rosa e la cometa verde

Omicidio di identità: "Sfregiare con l'acido è uccidere"

Come Mowgli: la vera storia della bimba allevata dalle scimmie nella foresta

Allarme bomba: in realtà è il Gps installato da un marito geloso

La gelosia a volte è talmente forte che porta a gesti estremi... che fortunatamente si rivelano anche buffi.
gelosia-uomo

 

Nel parcheggio di un ipermercato della Capitale è scattato l’allarme bomba. Una paura immediatamente rivelatasi infondata dato che altro non era che un goffo tentativo di un marito geloso. La vigilanza si era accorta che due uomini, prima di dileguarsi, avevano applicato un dispositivo con delle batterie nella parte posteriore di una macchina. Subito è scattato l’allarme con l’arrivo di carabinieri e artificieri. 

Il rischio bomba è stato immediatamente scongiurato. Grazie alle immagini e al rilevamento del segnale tramite una sim card i militari della Compagnia di Tivoli sono risaliti a due persone riprese nel video: due italiani, uno dei quali convinto che la moglie lo tradisse. I due amici avevano quindi pedinato l’auto del presunto amante e dopo averlo seguito fino al parcheggio avevano installato un rilevatore Gps sotto la macchina per spiarlo.

L’auto però era stata confusa e l’intervento dei carabinieri salva anche i due dall’inseguimento dell’auto sbagliata: la Smart apparteneva ad una coppia e il cerchio di accuse e diffidenze reciproche avrebbero portato ad un vortice di gelosie reciproche senza fine.