diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme bomba: in realtà è il Gps installato da un marito geloso

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Allarme bomba: in realtà è il Gps installato da un marito geloso

La gelosia a volte è talmente forte che porta a gesti estremi... che fortunatamente si rivelano anche buffi.
gelosia-uomo

 

Nel parcheggio di un ipermercato della Capitale è scattato l’allarme bomba. Una paura immediatamente rivelatasi infondata dato che altro non era che un goffo tentativo di un marito geloso. La vigilanza si era accorta che due uomini, prima di dileguarsi, avevano applicato un dispositivo con delle batterie nella parte posteriore di una macchina. Subito è scattato l’allarme con l’arrivo di carabinieri e artificieri. 

Il rischio bomba è stato immediatamente scongiurato. Grazie alle immagini e al rilevamento del segnale tramite una sim card i militari della Compagnia di Tivoli sono risaliti a due persone riprese nel video: due italiani, uno dei quali convinto che la moglie lo tradisse. I due amici avevano quindi pedinato l’auto del presunto amante e dopo averlo seguito fino al parcheggio avevano installato un rilevatore Gps sotto la macchina per spiarlo.

L’auto però era stata confusa e l’intervento dei carabinieri salva anche i due dall’inseguimento dell’auto sbagliata: la Smart apparteneva ad una coppia e il cerchio di accuse e diffidenze reciproche avrebbero portato ad un vortice di gelosie reciproche senza fine.