diredonna network
logo
Stai leggendo: Barletta: Bambini dell’asilo trascinati come sacchi. Una maestra nei guai

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Barletta: Bambini dell'asilo trascinati come sacchi. Una maestra nei guai

Si allunga la lista di maestre di asilo arrestate per violenza fisica sui piccoli alunni. La testimonianza raccontata è da pelle d'oca.
bambini-asilo

Il capo della procura di Trani, Carlo Maria Capristo, racconta ai giornalisti le motivazioni dell’arresto di una maestra di asilo di Berletta, sottolineando la gravità dei fatti:

“Li colpisce, li trascina come sacchi, li scaraventa sui banchi, pesta i loro piedini e le mani se camminano carponi e, davanti a un gesto affettuoso fra due bambini, reagisce con una tirata di orecchie. 

Basta poco a infastidirla. Mentre, seduta a un banco, aiuta a dipingere un bambino, un altro avvicina il suo foglio. Questo le fa perdere la calma al punto da lasciare il pennello per colpire al petto il bimbo, sfilargli la sedia con violenza e lasciarlo disteso sul pavimento a piangere. Con l’altra mano tiene un panino e appena può lo morde, tanto non la turba quello che ha fatto.”

Parole che colpiscono profondamente. La donna è stata arrestata dopo la denuncia di alcuni genitori che hanno piazzato le telecamere nell’asilo di Beretta: le immagini hanno incastrato immediatamente la donna, non lasciando alcun dubbio. Inizialmente le madri dei bambini non avevano dato peso a graffi e altri segni sul corpo dei figli, con la convinzione che fossero semplicemente le tracce della vivacità dei piccoli. 

video-shock-asilo
Uno di loro però, a soli tre anni e mezzo, ha deciso di raccontare tutto ai genitori che hanno denunciato il fatto ai carabinieri. Ai racconti di quel bambino si sono aggiunti quelli degli altri compagni di classe. Una psicologa ha quindi ascoltato i loro sfoghi e poi le telecamere han fatto il resto.

Ieri pomeriggio, i militari hanno arrestato la maestra, una 43enne del posto che insegna da oltre dieci anni, la maggior parte dei quali trascorsi in una scuola dell’infanzia privata. Era da soli tre anni che aveva cominciato a lavorare per il pubblico, ogni volta in scuole diverse, da settembre scorso in quella, alla periferia della città, dove si sono concentrate le indagini.