diredonna network
logo
Stai leggendo: Selvaggia Lucarelli contro Belen e lo spot McDonald’s: “Basta Belen!”

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Selvaggia Lucarelli contro Belen e lo spot McDonald's: "Basta Belen!"

Scatenata Selvaggia Lucarelli contro McDonald's e la scelta di Belen Rodriguez come testimonial.
99-247170-000123

 

“È solo una mia impressione o nella pubblicità di Mc Donald’s, delle due Belen non ce n’è una che riesca a dire mezza cosa in italiano?“così aveva esordito Selvaggia Lucarelli su Twitter parlando del nuovo spot della famosa catena di Junk Food con protagonista l’onnipresente Belen Rodriguez.

Del poco amore che la Lucarelli prova nei confronti della Rodriguez ce n’eravamo accorti tutti, dalla nascita di Santiago alle minacce con la sorella Cecilia. Ma sulla questione McDonald’s Selvaggia si è dilungata parecchio, proprio come già aveva fatto sulla magrezza impressionante della showgirl dopo il parto.

Ecco l’articolo di Selvaggia, ancora una volta scatenata contro Belen:

“(…) Il punto  è che la scelta di Belen come testimonial lascia piuttosto perplessi e per una serie di motivi che vado ad elencare:
a) intanto cominciamo col dire che la scelta creativa di sdoppiarla, triplicarla, quadrupicarla è perversione pura. Cioè, già in questo periodo l’italiano apre l’armadietto dei medicinali e ci trova Belen che racconta i pregi del fasciatoio a rotelle, e deve sorbirsi contemporaneamente Belen in versione cliente di McDonald’s, frequentatrice di palestre e, soprattutto, cassiera di McDonald’s, quando il cassiere tipo di McDonald’s è un simpatico ecuadoreño sul metro e cinquanta? Intendiamoci, dopo 5 minuti di conversazione con De Martino è pure comprensibile che una cominci a parlare da sola come i pappagalli all’autogrill, ma questa clonazione è francamente intollerabile.
b) perché dei quaranta cloni di Belen nello spot, non ce n’è uno che riesca a parlare un italiano decente? Perché Belen biascica parole incomprensibili metà in italiano e metà in un argentino che neanche Maradona dopo un afterhour? Io lo dico: il dubbio, forte, dello spettatore medio, è che dopo aver assaggiato l’insalata di pasta, stia masticando di nascosto dai fratelli Barilla sei McNugget’s con salsa al curry.
c) tu McDonald’s, tu Barilla, devi lanciare la pasta, ovvero il tipico alimento italiano in un fast food americano in cui friggerebbero anche il tartufo, e come testimonial mi metti un’argentina? Stessi lanciando il nuovo EmpanadasMenù capirei, ma è pasta fredda, che c’azzecca Belen, una che non solo è argentina ma fa caldo solo a guardarla, con la pasta fredda? A questo punto, gnocca per gnocca, meglio la Arcuri, che è italiana e bollita come le penne Barilla.
d) Da un punto di vista puramente commerciale, per il target femminile, Belen è un boomerang. La donna media la guarda, poi si guarda, poi la riguarda, poi si riguarda e va avanti a bacche e biancospino fino ai primi di settembre, altro che Mc Bacon.
e) Siamo seri. Testimonial di McDonald’s una neomamma che in sala parto, alla seconda spinta era già tornata al suo peso forma? Suvvia. Come se non sapessimo che se Belen entra al McDonad’s, al massimo è per prendere un Happy Meal a Stefano.
Perché va bene che «siamo quello che mangiamo», va bene che un McChicken nella vita ce lo siamo mangiati tutti, ma siamo italiani, mica dei polli”.