diredonna network
logo
Stai leggendo: Pallavolista uccisa con una motosega: era incinta

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Pallavolista uccisa con una motosega: era incinta

La pallavolista Ingrid Visser e il suo compagno sono stati trovati morti, fatti a pezzi con una motosega e poi seppelliti. Lei era incinta.
ingrid-visser

La pallavolista Ingrid Visser, star olandese della pallavolo, è stata uccisa insieme al suo compagno  Lodewijk Severin in Spagna. Un brutale omicidio avvenuto a Murcia: i due corpi sono stati fatti a pezzi con una motosega e poi seppelliti.

La coppia era arrivata a Murcia il 13 maggio, aveva effettuato il check-in all’hotel Churra-Vistalegre, aveva disfatto i bagagli e si era allontanata con la vettura presa a noleggio al vicino aeroporto di Alicante. Non erano più tornati in albergo.

La loro auto è stata poi trovata non troppo lontano dal centro della città e seguendo alcuni indizi legati alla macchina, gli investigatori sono riusciti a risalire in un appartamento a Nord della Città, dove sono stati rilevati segni di violenza e dove lo spagnolo Juan Cuenca Lerente, di 36 anni, proprietario della limonaia in provincia di Murcia dove sono stati ritrovati successivamente i cadeveri, è stato arrestato.

L’allarme era scattato, da parte olandese, dalle famiglie che non avevano visto tornare Visser e Severein il 15, come previsto, e da parte spagnola dopo un avviso della clinica dove avrebbe dovuto svolgersi la visita. Diversi amici avevano diffuso volantini per cercarli. 

Il dettaglio che rende ancor più terribile la vicenda è sapere che la donna era incinta, i corpi sarebbero stati fatti a pezzi con una motosega e poi seppelliti. Oltre allo spagnolo sono stati arrestati altri due uomini: i rumeni Valentin Ion, 59 anni, e Constantin Stan, 47 anni.

Il movente pare di natura economica, ma non ancor meglio specificato.  

A cura di Martina Fadani