diredonna network
logo
Stai leggendo: Il consiglio delle star: Pensateci, prima di tirare l’acqua in bagno.

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Rivoluzione IKEA: dite addio alle viti e alla mitica brugola. I mobili si montano così

Oroscopo dal 9 al 15 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Vorresti sposare mio marito?": la toccante lettera di Amy, prima di morire di cancro

Il consiglio delle star: Pensateci, prima di tirare l'acqua in bagno.

Matt Damon dichiara: "basta, non vado più in bagno", e così dichiara la sua volontà ad aiutare tutti coloro che nel mondo non dispongono di acqua potabile e gabinetti.
water

 

Il protagonista dell’ action  movie (prima versione) The Bourne Identity, lancia un appello a favore di tutti coloro che nel mondo non dispongono di acqua potabile e di servizi sanitari.

Sul sito dell’organizzazione Water.org, fondata da Damon nel 2009, è stato caricato un video in cui appunto il bel attore dichiara al mondo intero, che lui non andrà più in bagno, o meglio, tirerà molto meno l’acqua del vaso sanitario, fino a quando una parte della popolazione mondiale sarà carente di acqua potabile e servizi annessi.

[banner_centrale]

Ogni anno infatti, nei Paesi in via di Sviluppo, sono 3 milioni e 400 mila i decessi legati alle scarse condizioni igieniche. Spesso si tratta di bambini,che muoiono al ritmo di uno ogni 21 secondi per colpa di infezioni prese bevendo acqua “cattiva”.

L’attore chiede, con l’occasione, una donazione alla sua associazione, che costruisce pozzi e servizi sanitari in Etiopia, Kenya, Bangladesh, Haiti, Uganda ed India: “con 25 dollari si dona ad una persona l’acqua che gli servirà per tutta la sua vita”.

Aiutamolo dunque, a dare una mano ai Paesi più poveri.

www.water.org