diredonna network
logo
Stai leggendo: Le assicurazioni non possono ignorare la trasformazione delle donne

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Animalier: dal leopardato al maculato, come indossare la tendenza urban jungle!

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Le assicurazioni non possono ignorare la trasformazione delle donne

Il settore assicurativo è ancora un campo prevalentemente occupato da uomini. Se solo sapessero che le donne preferiscono confrontarsi con un intermediario dello stesso sesso....
donna-volante
Da semplici amministratrici di reddito, le donne si stanno via via trasformando in produttrici di reddito e consumatrici sempre più esigenti. Una tendenza che non può essere ignorata, nemmeno nel settore delle assicurazioni.

Non stupisce quindi che questo trend, il 9 maggio, sia stato al centro del Forum “Il settore assicurativo di fronte alle sfide di genere”, organizzato da Valore D, l’associazione che riunisce oltre 80 grandi aziende per promuovere il talento femminile e la gender parity e Gruppo Axa in Italia, in collaborazione con Capgemini.

Dal terzo numero dell’Italian Axa Paper emerge come le donne rappresentino oggi un nuovo bacino di consumatrici e influencer per il mercato assicurativo e come anche una maggiore presenza femminile ai vertici per questo comparto si potrebbe tradurre in risultati redditizi per le compagnie di settore. Nel comparto sono oggi impiegati 24 mila uomini contro 21 mila donne.

La quota di funzionari di sesso maschile è pari al 28,6% rispetto all’8,6% dei funzionari donna. Se si guarda ai vertici aziendali, solo una donna ogni 150 lavoratrici è dirigente rispetto alla media di un uomo ogni 20 dipendenti maschi. I dati invitano a una riflessione, soprattutto se confrontati con i risultati dell’indagine Axa – Episteme, da cui emerge che se le donne sapessero che un’assicurazione è guidata da una donna si sentirebbero più serene nel sottoscrivere polizze e il target femminile mostra in genere una maggiore predisposizione a confrontarsi con un intermediario dello stesso sesso.