diredonna network
logo
Stai leggendo: Bambina punita con una corsa, muore di epilessia.

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Bambina punita con una corsa, muore di epilessia.

Una bambina di 9 anni è morta per una punizione al quanto particolare: correre per tre ore senza sosta con l'accusa di aver mentito alla nonna su delle caramelle.
savannah

Una vicenda tanto triste quanto assurda: un uomo, tale Roger Simpson, ha riferito alla polizia di aver guardato fuori dalla finestra e di aver visto una bambina correre fuori da casa sua. La banale scena alla quale stava assistendo era in realtà un omicidio in corso. 

Savannah Hardin infatti, alla tenera età di 9 anni, è morta per essere stata costretta a correre tre ore come punizione per aver mentito negando alla nonna di aver mangiato delle caramelle. 

Decisamente disidratata, la bambina ha avuto un attacco epilettico ed è morta pochi giorni dopo. Ora la nonna e la matrigna, coloro che hanno inflitto la punizione alla piccola, sono state in carcere mercoledì e su di loro pende una gravissima accusa di omicidio.

Alcuni testimoni hanno riferito che a Savannah è stato detto di correre per 3 ore senza mai fermarsi.

Jessica Mae Hardin, la matrigna di 27 anni, ha chiamato la polizia alle 6:45 pm, dicendo loro che Savannah stava avendo una crisi epilettica ed era insensibile.

Simpson ha dichiarato di aver visto la bambina che correva intorno alle 4 del pomeriggio, ma di non aver visto nessuno costringerla o minacciarla. L’autopsia ha rivelato che la bambina al momento della morte era molto disidratata e con un livello di sodio molto basso.

Robert Hardin, chiese il divorzio dalla madre di Savannah nel 2010.  Nella sua denuncia, l’uomo ha affermato la moglie era bi-polare e aveva tendenze alcoliche, accusandola di essere anche fuggita con il loro bambino. Jessica, ha sempre respinto le accuse. Cinque mesi dopo il divorzio, i due hanno chiesto al giudice di rigettare il loro caso.

Savannah Hardin frequentava la terza elementare presso la scuola elementare Carlisle.