diredonna network
logo
Stai leggendo: Bambina punita con una corsa, muore di epilessia.

Oltre Grey's Anatomy: una nuova serie tv per Ellen Pompeo

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Oroscopo dal 12 al 18 gennaio 2017 - Come sopravvivere alle stelle

La dedica di Ryan Gosling è la più commovente dichiarazione d'amore di sempre

Bambina punita con una corsa, muore di epilessia.

Una bambina di 9 anni è morta per una punizione al quanto particolare: correre per tre ore senza sosta con l'accusa di aver mentito alla nonna su delle caramelle.
savannah

Una vicenda tanto triste quanto assurda: un uomo, tale Roger Simpson, ha riferito alla polizia di aver guardato fuori dalla finestra e di aver visto una bambina correre fuori da casa sua. La banale scena alla quale stava assistendo era in realtà un omicidio in corso. 

Savannah Hardin infatti, alla tenera età di 9 anni, è morta per essere stata costretta a correre tre ore come punizione per aver mentito negando alla nonna di aver mangiato delle caramelle. 

Decisamente disidratata, la bambina ha avuto un attacco epilettico ed è morta pochi giorni dopo. Ora la nonna e la matrigna, coloro che hanno inflitto la punizione alla piccola, sono state in carcere mercoledì e su di loro pende una gravissima accusa di omicidio.

Alcuni testimoni hanno riferito che a Savannah è stato detto di correre per 3 ore senza mai fermarsi.

Jessica Mae Hardin, la matrigna di 27 anni, ha chiamato la polizia alle 6:45 pm, dicendo loro che Savannah stava avendo una crisi epilettica ed era insensibile.

Simpson ha dichiarato di aver visto la bambina che correva intorno alle 4 del pomeriggio, ma di non aver visto nessuno costringerla o minacciarla. L’autopsia ha rivelato che la bambina al momento della morte era molto disidratata e con un livello di sodio molto basso.

Robert Hardin, chiese il divorzio dalla madre di Savannah nel 2010.  Nella sua denuncia, l’uomo ha affermato la moglie era bi-polare e aveva tendenze alcoliche, accusandola di essere anche fuggita con il loro bambino. Jessica, ha sempre respinto le accuse. Cinque mesi dopo il divorzio, i due hanno chiesto al giudice di rigettare il loro caso.

Savannah Hardin frequentava la terza elementare presso la scuola elementare Carlisle.