diredonna network
logo
Stai leggendo: Pubblicità anti-Italia in Svezia: “bambini costretti ad andarci”

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Pubblicità anti-Italia in Svezia: "bambini costretti ad andarci"

In Svezia un manifesto che pubblicizza un parco di divertimenti cittadino offende il BelPaese: "Quest'estate, alcuni bambini saranno costretti ad andare in Italia". Nel mirino anche Maiorca e Creta.
svezia-italia-grecia

 

Una pubblicità che intende mettere in evidenza il desiderio dei bambini di non voler andare in vacanza all’estero ma rimanere in città e divertirsi al parco giochi, ironizzando su due delle nazioni più colpite dalla crisi economica ma che comunque rimangono attrattive fondamentali per il turismo internazionale, Italia e Grecia.

Per questo affronto l’assessore al Turismo della Provincia di Rimini, Fabio Galli, ha deciso di scrivere al ministro Bay, trovando incivile l’immagine di un bimbo piangente e lo slogan “vissa barn tvingas aka till italien i sommar” che più o meno può essere tradotto inalcuni bambini sono costretti a passare l’estate in Italia”.

Secondo Galli “Tre le variazioni ‘geografiche’ sul tema da parte del parco: Italia, Grecia (con Creta) e Spagna (con Majorca) è esplicito e rozzo il messaggio: cari bambini, passate l’estate a Liseberg piuttosto che in quei Paesi turistici nei quali non fareste altro che piangere. Alla faccia della leale concorrenza e sana competizione!

La cosa ha provocato proteste ufficiali anche da parte dei Governi, in primis quello grecoIl parco ha ritirato parte della campagna ma la cosa è esplosa sui social network di mezza Europa, diventando ormai virale.