diredonna network
logo
Stai leggendo: A 12 anni è stato condannato a tutta la vita in carcere

Paola Turci: "Mai più con un uomo". Niente figli? "Oggi ringrazio il cielo"

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

A 12 anni è stato condannato a tutta la vita in carcere

A 12 anni viene accusato di omicidio.Ora rischia di restare in carcere fino all'età di 77 anni.
carcere-vita

Tre anni fa, a soli 12 anni, Paul è stato condannato a 25 anni di carcere per un coinvolgimento nella morte del patrigno di un amico. Un crimine sicuramente terribile ma Paul, nonostante l’età, è stato processato come un adulto e non come un minore.

Dovrebbe essere rilasciato al suo 37esimo anno di vita.

In  Indiana i bambini che hanno compiuto 10 anni possono essere processati e condannati in tribunale come degli adulti. Da quel giorno la vita di Paul è completamente ribaltata: da ragazzo normale ad assassino.

 

Paul, un ragazzo più grande chiamato Colt Lundy di 15 anni e un altro di 12 di nome Chase Williams, avevano progettato di fuggire insieme. Il 15enne però aveva poi detto agli altri ragazzi che il suo patrigno Phil Danner non gli avrebbe mai permesso di andarsene. Per farlo dovevano ucciderlo. Lundy ha consegnato a Paul un fucile carico mentre l’altro 12enne si è rifiutato di andare con loro ed è rimasto fuori ad aspettare.

Nella sua confessione alla polizia Paul ha spiegato cosa è successo dopo: “Phil si alzò e ci vide e poi lui (Colt) gli sparò. Io rimasi scioccato, chiusi gli occhi e mi voltai“. I documenti del tribunale dicono che Paul ha detto alla polizia che era semplicemente andato con il suo amico più grande e non credeva che Colt fosse seriamente intenzionato ad uccidere il suo patrigno. Nel 2010 Paul è stato condannato a 25 anni di carcere, per aver cospirato per sparare e uccidere il 49enne Danner.

Nel dicembre scorso, la Corte d’Appello dell’Indiana dichiara che Paul dev’essere giudicato come un adulto. Se il tribunale accoglierà questa richiesta Paul potrebbe essere condannato a 65 anni e rimarrebbe in carcere fino a 77 anni. 

 

Per come stanno adesso le cose, Paul dovrà passare i prossimi tre anni nel carcere minorile, prima di essere trasferito nel carcere per adulti dell’Indiana che è noto per il suo regolamento carcerario molto duro.