diredonna network
logo
Stai leggendo: Emanuele Filiberto: “il tumore è in continuo sviluppo”

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Emanuele Filiberto: "il tumore è in continuo sviluppo"

Emanuele Filiberto si sfoga sulle pagine di "Gente" sulla sua vita privata, rivelando uno scoop molto intimo.
Pontremoli Summer Night 2011.

 

Dopo l’addio a Pechino Express, che non condurrà nella seconda edizione, Emanuele Filiberto si racconta in un’intervista sul suo privato.

Una piccola delusione professionale, ma nella vita sentimentale tutto pare andare per il verso giusto. Nessuna crisi infatti tra lui e Clotilde Courau.

Siamo molto indipendenti uno dall’altra e terribilmente complici. Le due cose possono convivere. Lei ha il suo mondo, più intellettuale, io il mio. Li viviamo, rispettando i reciproci spazi.

L’anno scorso un tumore, al setto nasale, scoperto grazie all’attenzione della moglie:

Rimasi senza voce, non ci badai più di tanto, dopo una settimana Clotilde mi convinse ad andare dal dottore. Salvandomi la vita. Fortunatamente si trattava di un tumore benigno al setto nasale, ma una volta tolto si è riformato.

Emanuele non è però completamente fuori pericolo.

Mi sono già sottoposto a tre interventi, ora sta ricominciando a svilupparsi. Il rischio è che prima o poi si positivizzi. Sto sperimentando una cura nuova a Ginevra, mantengo l’ottimismo. Sono un fatalista, certo ho vissuto e vivo momenti di angoscia e paura, specie pensando a chi mi ama.

In bocca al lupo.