diredonna network
logo
Stai leggendo: Emanuele Filiberto: “il tumore è in continuo sviluppo”

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Emanuele Filiberto: "il tumore è in continuo sviluppo"

Emanuele Filiberto si sfoga sulle pagine di "Gente" sulla sua vita privata, rivelando uno scoop molto intimo.
Pontremoli Summer Night 2011.

 

Dopo l’addio a Pechino Express, che non condurrà nella seconda edizione, Emanuele Filiberto si racconta in un’intervista sul suo privato.

Una piccola delusione professionale, ma nella vita sentimentale tutto pare andare per il verso giusto. Nessuna crisi infatti tra lui e Clotilde Courau.

Siamo molto indipendenti uno dall’altra e terribilmente complici. Le due cose possono convivere. Lei ha il suo mondo, più intellettuale, io il mio. Li viviamo, rispettando i reciproci spazi.

L’anno scorso un tumore, al setto nasale, scoperto grazie all’attenzione della moglie:

Rimasi senza voce, non ci badai più di tanto, dopo una settimana Clotilde mi convinse ad andare dal dottore. Salvandomi la vita. Fortunatamente si trattava di un tumore benigno al setto nasale, ma una volta tolto si è riformato.

Emanuele non è però completamente fuori pericolo.

Mi sono già sottoposto a tre interventi, ora sta ricominciando a svilupparsi. Il rischio è che prima o poi si positivizzi. Sto sperimentando una cura nuova a Ginevra, mantengo l’ottimismo. Sono un fatalista, certo ho vissuto e vivo momenti di angoscia e paura, specie pensando a chi mi ama.

In bocca al lupo.