diredonna network
logo
Stai leggendo: Shock Amanda Knox: “ho ballato sul cadavere di Meredith”

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Shock Amanda Knox: "ho ballato sul cadavere di Meredith"

Amanda Knox shock: rivelazioni allucinanti nel suo libro di memorie, dall'arresto alla prigionia. “Indossai guanti e calzini protettivi e mi misi a cantare, muovendo le braccia come nella conduzione di un musical”
amanda-knox

 

“Ho fatto un balletto mentre la polizia faceva i rilievi nella stanza di Meredith, l’ho fatto per calmarmi

La 25enne, accusata insieme al fidanzato dell’epoca Raffaele Sollecito di aver ucciso la coinquilina Meredith Kercher, lo racconta nel suo libro di memorie.
I due giovani si sono sempre dichiarati non colpevoli e così sembrava che fosse anche per la giustizia italiana, che li ha dichiarati innocenti fino al secondo grado di giudizio. Di poche settimane fa la sentenza che ha invece annullato l’assoluzione facendo ripartire il processo da zero.


La Knox nel frattempo è tornata negli Stati Uniti dove il suo libro di memorie, dall’arresto alla prigionia,  le ha già fruttato 4 milioni di dollari.

Tante le rivelazioni inedite: dalle molestie sessuali in carcere al desiderio di morire, suicidandosi con il vetro o la candeggina. Accusata di aver avuto un comportamento insolito durante i rilievi della polizia nella stanza del delitto, quanto il cadavere di Meredith era ancora sul posto, Amanda si è difesa così: “Indossai guanti e calzini protettivi e mi misi a cantare, muovendo le braccia come nella conduzione di un musical”, racconta, “un tentativo per allentare la tensione perché tutto era così surreale e terribile”.