diredonna network
logo
Stai leggendo: Shock Amanda Knox: “ho ballato sul cadavere di Meredith”

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Shock Amanda Knox: "ho ballato sul cadavere di Meredith"

Amanda Knox shock: rivelazioni allucinanti nel suo libro di memorie, dall'arresto alla prigionia. “Indossai guanti e calzini protettivi e mi misi a cantare, muovendo le braccia come nella conduzione di un musical”
amanda-knox

 

“Ho fatto un balletto mentre la polizia faceva i rilievi nella stanza di Meredith, l’ho fatto per calmarmi

La 25enne, accusata insieme al fidanzato dell’epoca Raffaele Sollecito di aver ucciso la coinquilina Meredith Kercher, lo racconta nel suo libro di memorie.
I due giovani si sono sempre dichiarati non colpevoli e così sembrava che fosse anche per la giustizia italiana, che li ha dichiarati innocenti fino al secondo grado di giudizio. Di poche settimane fa la sentenza che ha invece annullato l’assoluzione facendo ripartire il processo da zero.


La Knox nel frattempo è tornata negli Stati Uniti dove il suo libro di memorie, dall’arresto alla prigionia,  le ha già fruttato 4 milioni di dollari.

Tante le rivelazioni inedite: dalle molestie sessuali in carcere al desiderio di morire, suicidandosi con il vetro o la candeggina. Accusata di aver avuto un comportamento insolito durante i rilievi della polizia nella stanza del delitto, quanto il cadavere di Meredith era ancora sul posto, Amanda si è difesa così: “Indossai guanti e calzini protettivi e mi misi a cantare, muovendo le braccia come nella conduzione di un musical”, racconta, “un tentativo per allentare la tensione perché tutto era così surreale e terribile”.