diredonna network
logo
Stai leggendo: Ragazza muore a 23 anni per colpa di pillole dimagranti-pesticidi

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

Animoji: con iPhone X le emoji si animano con il tuo volto

Oroscopo dal 14 al 20 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Niccolò Ciatti, a un mese dalla morte le parole di Ilaria e l'appello del padre

Ragazza muore a 23 anni per colpa di pillole dimagranti-pesticidi

Una studente di medicina che ha combattuto alcuni disordini alimentari è morta dopo avere assunto una quantità non regolare di una pillola dimagrante acquistata su internet.
sarah-houston

Sarah Houston, una giovane di 23 anni, studente di medicina, dopo aver combattuto per anni contro bulimia e anoressia è stata trovata morta nella camera da letto della casa che condivideva con altre studenti della stessa facoltà lo scorso settembre. Ad ucciderla, secondo il parere del medico legale, sarebbe stata una dose non regolare di una pillola dimagrante (Dnp) acquistata su internet e importata dalla Spagna nel Regno Unito come un farmaco “brucia grassi” dedicato ai culturisti.

Il decesso è avvenuto lo scorso settembre ma la famiglia della giovane ragazza sta portando avanti una battaglia per incitare il governo a bandire una volta per tutte la Dnp: le capsule, infatti, continuano ad essere disponibili per l’acquisto online perché impiegate come pesticida industriale. Il padre ha lanciato un appello ai venditori: “Se avete un briciolo di decenza vi dovete fermare”.

Attualmente sono ben 62 i decessi imputabili all’uso di Dnp, anche se i funzionari della sanità britannica hanno avvertito che la sostanza non è adatta al consumo umano e potrebbe essere ‘estremamente pericolosa’ per la salute.