diredonna network
logo
Stai leggendo: Ragazza muore a 23 anni per colpa di pillole dimagranti-pesticidi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Ragazza muore a 23 anni per colpa di pillole dimagranti-pesticidi

Una studente di medicina che ha combattuto alcuni disordini alimentari è morta dopo avere assunto una quantità non regolare di una pillola dimagrante acquistata su internet.
sarah-houston

Sarah Houston, una giovane di 23 anni, studente di medicina, dopo aver combattuto per anni contro bulimia e anoressia è stata trovata morta nella camera da letto della casa che condivideva con altre studenti della stessa facoltà lo scorso settembre. Ad ucciderla, secondo il parere del medico legale, sarebbe stata una dose non regolare di una pillola dimagrante (Dnp) acquistata su internet e importata dalla Spagna nel Regno Unito come un farmaco “brucia grassi” dedicato ai culturisti.

Il decesso è avvenuto lo scorso settembre ma la famiglia della giovane ragazza sta portando avanti una battaglia per incitare il governo a bandire una volta per tutte la Dnp: le capsule, infatti, continuano ad essere disponibili per l’acquisto online perché impiegate come pesticida industriale. Il padre ha lanciato un appello ai venditori: “Se avete un briciolo di decenza vi dovete fermare”.

Attualmente sono ben 62 i decessi imputabili all’uso di Dnp, anche se i funzionari della sanità britannica hanno avvertito che la sostanza non è adatta al consumo umano e potrebbe essere ‘estremamente pericolosa’ per la salute.