diredonna network
logo
Stai leggendo: Mamma uccide bambina di 18mesi e poi si taglia la gola: era depressa.

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Lui è Searyl, il primo bambino al mondo né maschio né femmina

Morire in diretta Instagram a 16 e 24 anni: l'ultima tragica story delle reginette di bellezza

Mamma uccide bambina di 18mesi e poi si taglia la gola: era depressa.

Alessia Olimpo ha deciso di uccidere la sua piccola e di togliersi poi la vita, era depressa.Una città sotto shock.
alessia-olimpo

Le ha trovate entrambe il marito, Alberto Calderoli, nipote dell’ex ministro della Lega Nord, Roberto Calderoli, tornato da un congresso dentistico in Trentino. Sua moglie, Alessia Olimpo e la figlioletta di un anno e mezzo erano morte nella camera della piccola, entrambe ferite con un’arma da taglio. 

Un omicidio-suicidio, una tragedia che ha buttato nello sconforto un’intera cittadina. 

La donna avrebbe prima ucciso la piccola in un attimo di follia e poi, forse ritrovando la lucidità e rendendosi conto di ciò che aveva fatto, si è tolta la vita tagliandosi la gola.

A lanciare il primo allarme è stato il suocero. La donna non veniva quasi mai lasciata da sola, da tempo non stava bene e tutti cercavano di starle vicino il più possibile.

A peggiorare quello che sembrava uno stato depressivo della neomamma, dentista pure lei e nello studio del marito, la recente perdita della madre e una malattia ereditaria alla tiroide.  Dopo il pranzo i suoceri erano tornati a casa loro, ma verso sera il nonno si è presentato di nuovo a casa di Alessia per vedere come stava. Nessuna risposta e dopo qualche insistenza, anche con il cellulare, ha chiamato il figlio che si trovava al congresso di Riva del Garda.

La porta di casa era chiusa, dall’interno. 

Temendo il peggio, ha avvisato i vigili del fuoco e il 118. I soccorritori sono dovuti entrare nell’appartamento della famiglia Calderoli attraverso il balcone. Con la scala sono riusciti ad arrivare alla finestra della camera da letto della bimba, da dove hanno visto i due corpi a terra in un lago di sangue.

Nessun estraneo è stato fatto entrare.