diredonna network
logo
Stai leggendo: Valentina Misseri: “Mi vergogno di mio padre, non di Sabrina!”

Emergenza stupri: più di una vittima al giorno, la più giovane ha 17 anni, la più anziana 81

I messaggi di Michelle Carter, accusata di omicidio per aver spinto il fidanzato al suicidio

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

Animoji: con iPhone X le emoji si animano con il tuo volto

Valentina Misseri: "Mi vergogno di mio padre, non di Sabrina!"

Dopo anni di silenzio, l'unica mai indagata della famiglia Misseri per l'omicidio di Sarah Scazzi, Valentina Misseri dice la sua sulla sentenza che ha condannato la sua famiglia.

 

valentina-misseri

 

Dopo due anni di silenzio parla Valentina Misseri, per spiegare cosa ne pensa della sentenza che ha condannato tutta la sua famiglia per il delitto della cugina Sarah Scazzi. 

‘Mi vergogno del mio cognome perché mio padre ha ucciso una ragazzina ma non mi vergogno di essere la figlia di Cosima Serrano e la sorella di Sabrina Misseri. La sentenza è dura perché copre la debolezza dell’impianto accusatorio. Non era una cattiva idea la richiesta di remissione del processo”

Valentina si aspettava l’ergastolo ma solo per la sorella. “E poi gli applausi in aula mi hanno dato ancora piu’ fastidio, c’era anche una testimone che applaudiva e quella situazione mi ha fatto rivivere l’arresto di mia madre”

Secondo Valentina nessuno vuole giustizia per Sarah, ma per se stessi, convinti della colpevolezza della madre e della sorella. Lei è ancora convinta che ad uccidere la cugina sia stato il padre, Michele.