diredonna network
logo
Stai leggendo: Valentina Misseri: “Mi vergogno di mio padre, non di Sabrina!”

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Valentina Misseri: "Mi vergogno di mio padre, non di Sabrina!"

Dopo anni di silenzio, l'unica mai indagata della famiglia Misseri per l'omicidio di Sarah Scazzi, Valentina Misseri dice la sua sulla sentenza che ha condannato la sua famiglia.

 

valentina-misseri

 

Dopo due anni di silenzio parla Valentina Misseri, per spiegare cosa ne pensa della sentenza che ha condannato tutta la sua famiglia per il delitto della cugina Sarah Scazzi. 

‘Mi vergogno del mio cognome perché mio padre ha ucciso una ragazzina ma non mi vergogno di essere la figlia di Cosima Serrano e la sorella di Sabrina Misseri. La sentenza è dura perché copre la debolezza dell’impianto accusatorio. Non era una cattiva idea la richiesta di remissione del processo”

Valentina si aspettava l’ergastolo ma solo per la sorella. “E poi gli applausi in aula mi hanno dato ancora piu’ fastidio, c’era anche una testimone che applaudiva e quella situazione mi ha fatto rivivere l’arresto di mia madre”

Secondo Valentina nessuno vuole giustizia per Sarah, ma per se stessi, convinti della colpevolezza della madre e della sorella. Lei è ancora convinta che ad uccidere la cugina sia stato il padre, Michele.