diredonna network
logo
Stai leggendo: Valentina Misseri: “Mi vergogno di mio padre, non di Sabrina!”

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Valentina Misseri: "Mi vergogno di mio padre, non di Sabrina!"

Dopo anni di silenzio, l'unica mai indagata della famiglia Misseri per l'omicidio di Sarah Scazzi, Valentina Misseri dice la sua sulla sentenza che ha condannato la sua famiglia.

 

valentina-misseri

 

Dopo due anni di silenzio parla Valentina Misseri, per spiegare cosa ne pensa della sentenza che ha condannato tutta la sua famiglia per il delitto della cugina Sarah Scazzi. 

‘Mi vergogno del mio cognome perché mio padre ha ucciso una ragazzina ma non mi vergogno di essere la figlia di Cosima Serrano e la sorella di Sabrina Misseri. La sentenza è dura perché copre la debolezza dell’impianto accusatorio. Non era una cattiva idea la richiesta di remissione del processo”

Valentina si aspettava l’ergastolo ma solo per la sorella. “E poi gli applausi in aula mi hanno dato ancora piu’ fastidio, c’era anche una testimone che applaudiva e quella situazione mi ha fatto rivivere l’arresto di mia madre”

Secondo Valentina nessuno vuole giustizia per Sarah, ma per se stessi, convinti della colpevolezza della madre e della sorella. Lei è ancora convinta che ad uccidere la cugina sia stato il padre, Michele.