diredonna network
logo
Stai leggendo: Roba da donne incontra le finaliste di Shecandj: Marziè Narcisse

Sabrina Vita da Strega, pronte per il reboot?

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Oroscopo dal 21 al 27 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Roba da donne incontra le finaliste di Shecandj: Marziè Narcisse

La redazione di Roba da Donne è entrata nel backstage del concorso di EMI Music dedicato alle dj donna: ci siamo fatte raccontare qualche dettaglio della vita personale delle finaliste, scopriteli con noi!
marzie_narcisse_shecandj_robadadonne

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciao, sono Marzia Raffone e il mio nome d’arte è Marziè Narcisse.

Sono di Messima ma sono resident dj alle Capannine di Catania, suono in quasi tutta la Sicilia e a volte a Reggio Calabria.

Sono sempre stata appassionata di musica ma mi sono messa davanti alla mia prima consolle un anno fa e già due mesi dopo suonavo in un locale a Messina.

RDD: come definiresti il tuo sound?

Mi piace molto la battuta tech house con influenze afro e tribali, è il genere che preferisco.

RDD: ci sono alcuni artisti a cui t’ispiri e con i quali ti piacerebbe suonare?

David Herrero, Dj Chus e Gregor Salto.

RDD: in un ambiente ancora prettamente maschile, secondo te quale può essere il punto di forza di una donna dj?

Secondo me l’essere donna è una carta vincente, perché alla tecnica e alla preparazione musicale va ad aggiungersi una buona parte di estetica, fa piacere vedere una dj donna in consolle.

RDD: quindi secondo te quanto contano, oltre alla tecnica, il look, la gestualità e la sensibilità femminile in un contesto di questo tipo?

Contano tanto ma sicuramente una bella dj in consolle che non sa fare un passaggio non è dj per me, quindi dev’essere un bel mix di cose: tecnica, eleganza, stile, scelta musicale, bellezza. Per me la bellezza è sì una carta vincente, ma non necessaria.. se si ha è meglio, ma semplicemente per la superficialità con cui alle volte il pubblico può guardare una dj donna.

RDD: c’è un club nel quale sogni di poter suonare un giorno?

L’Amnesia di Ibiza.

RDD: al di là del genere che suoni.. c’è una canzone per te speciale che ti piacerebbe ti venisse dedicata?

Sicuramente una canzone di Mina.. “Grande grande grande”. Oppure “Io e te da soli”.

RDD: la tua emozione più grande legata alla musica?

Sono davvero tante ma mi viene in mente quando ero piccola, la prima volta che ho ascoltato una canzone di Mina, era “L’importante è finire”.. avevo 6 anni ed è sicuramente il ricordo più nitido che ho.

Sono una fan di Mina.. non so si è capito!

[youtube RCs7XGlAj2Q]