diredonna network
logo
Stai leggendo: Frusta il figlio per educarlo

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Frusta il figlio per educarlo

Violenza in famiglia.Il piccolo viene frustato con un cavo elettrico lungo un metro per essere educato.
bambino-triste

I carabinieri di Reggio Emilia hanno scoperto una storia di violenza familiare straziante.

Prima il rumore delle frustate e poi le urla del bambino: questi i suoni che uscivano dalla casa di un paese della provincia. Il padre sengalese ha preso ha frustate il figlioletto di otto anni con un cavo elettrico, causando lesioni e ferite in tutto il corpo.  Il bambino ora è ricoverato all’ospedale e giudicato guaribile in un mese.

L’uomo ha giustificato le urla parlando di un litigio avvenuto poco prima tra moglie e bambino, quest’ultimo sarebbe uscito poi con gli amici per giocare a pallone. I militari sono però entrati in casa e hanno scoperto il piccolo in lacrime, ferito e rannicchiato nella vasca da bagno. 

Mentre il padre e la madre sono stati portati in caserma per accertamenti, è stato chiamato il 118. L’uomo ha ammesso di aver frustato il figlio, ma per educarlo. Nel cesto della biancheria, i Carabinieri hanno trovato un cavo elettrico, lungo un metro e dal diametro di 1.5 cm utilizzato per picchiare il bambino.