diredonna network
logo
Stai leggendo: Vuoi diventare un Femen italiana? Ecco come fare

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Vuoi diventare un Femen italiana? Ecco come fare

Anche in Italia sta crescendo l'interesse verso l'attivismo tutto al femminile delle Femen. La portavoce tricolore ci spiega come diventare una Femen italiana, sottolineando anche tutti i rischi che si possono incontrare.
femen-italia

“Comincia a mettere una tua foto in topless su Facebook. Così capti la reazione dei tuoi amici. Le tue immagini durante una protesta saranno pubbliche. Almeno ti rendi subito conto di quel che ti aspetta.” Questo è ciò che devi fare se vuoi diventare una Femen italiana. Le famose attiviste stanno diventando famose anche nel nostro Paese.

“Può sembrare facile spogliarsi in mezzo a una strada. Non è così, ognuna di noi ha davanti a sé una preparazione sia fisica sia psicologica” spiega Mary, la referente del gruppo tricolore. Le Femen vengono istruite con corsi di teoria e di pratica. Il gruppo italiano è ancora piuttosto immaturo e per le iniziative contro Berlusconi e il Papa hanno mandato avanti le ragazze di Kiev e di Parigi.

“Bisogna essere preparate quando si viene bloccate dalla polizia. Tante volte siamo sbattute a terra. E magari capita che qualcuno ci picchi” inoltre c’è anche una questione legale non indifferente: in Italia si rischia una condanna dai 2 ai 7 anni. Oltre alla manifestazione non autorizzata e resistenza al pubblico ufficiale, si somma il reato di atti osceni in luogo pubblico.

“La peculiarità del nostro Paese è che nei vent’anni di berlusconismo l’immagine della donna è stata quella televisiva, cioè di un corpo nudo. Questa immagine ha portato il pubblico ad abituarsi all’idea della donna oggetto, mercificata. Veicolare ed affermare il corpo, passando da quello spettacolarizzato a quello politico, capace quindi di affrontare la repressione senza timori.”

Le vere emergenze sono il femminicidio e la violenza. Le attiviste italiane sono tutte giovani studentesse che hanno viaggiato e vissuto all’estero che condividono la modalità e l’energia del movimento di Kiev. Per il momento sono circa una trentina e stanno organizzando la prima Slut Walk italiana.