diredonna network
logo
Stai leggendo: Vuoi diventare un Femen italiana? Ecco come fare

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Vuoi diventare un Femen italiana? Ecco come fare

Anche in Italia sta crescendo l'interesse verso l'attivismo tutto al femminile delle Femen. La portavoce tricolore ci spiega come diventare una Femen italiana, sottolineando anche tutti i rischi che si possono incontrare.
femen-italia

“Comincia a mettere una tua foto in topless su Facebook. Così capti la reazione dei tuoi amici. Le tue immagini durante una protesta saranno pubbliche. Almeno ti rendi subito conto di quel che ti aspetta.” Questo è ciò che devi fare se vuoi diventare una Femen italiana. Le famose attiviste stanno diventando famose anche nel nostro Paese.

“Può sembrare facile spogliarsi in mezzo a una strada. Non è così, ognuna di noi ha davanti a sé una preparazione sia fisica sia psicologica” spiega Mary, la referente del gruppo tricolore. Le Femen vengono istruite con corsi di teoria e di pratica. Il gruppo italiano è ancora piuttosto immaturo e per le iniziative contro Berlusconi e il Papa hanno mandato avanti le ragazze di Kiev e di Parigi.

“Bisogna essere preparate quando si viene bloccate dalla polizia. Tante volte siamo sbattute a terra. E magari capita che qualcuno ci picchi” inoltre c’è anche una questione legale non indifferente: in Italia si rischia una condanna dai 2 ai 7 anni. Oltre alla manifestazione non autorizzata e resistenza al pubblico ufficiale, si somma il reato di atti osceni in luogo pubblico.

“La peculiarità del nostro Paese è che nei vent’anni di berlusconismo l’immagine della donna è stata quella televisiva, cioè di un corpo nudo. Questa immagine ha portato il pubblico ad abituarsi all’idea della donna oggetto, mercificata. Veicolare ed affermare il corpo, passando da quello spettacolarizzato a quello politico, capace quindi di affrontare la repressione senza timori.”

Le vere emergenze sono il femminicidio e la violenza. Le attiviste italiane sono tutte giovani studentesse che hanno viaggiato e vissuto all’estero che condividono la modalità e l’energia del movimento di Kiev. Per il momento sono circa una trentina e stanno organizzando la prima Slut Walk italiana.