diredonna network
logo
Stai leggendo: Margherita Hack: “Il fascismo modernizzò l’Italia! Oggi ce lo sogniamo!”

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Margherita Hack: "Il fascismo modernizzò l'Italia! Oggi ce lo sogniamo!"

Margherita Hack, interpellata per esprimere un'opinione sul Ventennio, stupisce con un'ode al fascismo.
MARGHERITA HACKFOTO DI © DAIANO CRISTINI/SINTESI

Politicamente lei si definisce un ossimoro: comunista, antisovietica, favorevole alla proprietà privata e al fascismo. La celebre astrofisica Margherita Hack, a 90 anni, lascia tutti a bocca aperta con le sue ultime dichiarazioni.

Chiamata ad analizzare il Ventennio, la sig.ra Hack esprime la sua opinione, senza filtri: “Quello che ha ottenuto il fascismo in campo sociale oggi ce lo sogniamo. Le conquiste sociali del Fascismo? Non si trattava solo dei treni in orario. Assegni familiari per i figli a carico, borse di studio per dare opportunità anche ai meno abbienti, bonifiche dei territori, edilizia sociale. Questo perché solo dieci anni prima Mussolini era in realtà un Socialista marxista e massimalista che si portò con sé il senso del sociale, del popolo”

Conclude: “Le dirò  in un certo senso il fascismo modernizzò il paese. Nei confronti del Nazismo fu dittatura all’acqua di rose: se Mussolini non avesse firmato le infamanti leggi razziali, sarebbe morto di morte naturale come Franco. Resta una dittatura, ma anche espressione d’italianità. Bisognerebbe fare un’analisi meno ideologica su questo“.

Il suo rapporto con il Regime non è nuovo. La Hack, prima di diventare una scienziata, era campionessa sportiva dei Littorali, i campionati universitari di atletica organizzati dal Duce, a Como.