diredonna network
logo
Stai leggendo: Margherita Hack: “Il fascismo modernizzò l’Italia! Oggi ce lo sogniamo!”

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Margherita Hack: "Il fascismo modernizzò l'Italia! Oggi ce lo sogniamo!"

Margherita Hack, interpellata per esprimere un'opinione sul Ventennio, stupisce con un'ode al fascismo.

MARGHERITA HACKFOTO DI © DAIANO CRISTINI/SINTESI

Politicamente lei si definisce un ossimoro: comunista, antisovietica, favorevole alla proprietà privata e al fascismo. La celebre astrofisica Margherita Hack, a 90 anni, lascia tutti a bocca aperta con le sue ultime dichiarazioni.

Chiamata ad analizzare il Ventennio, la sig.ra Hack esprime la sua opinione, senza filtri: “Quello che ha ottenuto il fascismo in campo sociale oggi ce lo sogniamo. Le conquiste sociali del Fascismo? Non si trattava solo dei treni in orario. Assegni familiari per i figli a carico, borse di studio per dare opportunità anche ai meno abbienti, bonifiche dei territori, edilizia sociale. Questo perché solo dieci anni prima Mussolini era in realtà un Socialista marxista e massimalista che si portò con sé il senso del sociale, del popolo”

Conclude: “Le dirò  in un certo senso il fascismo modernizzò il paese. Nei confronti del Nazismo fu dittatura all’acqua di rose: se Mussolini non avesse firmato le infamanti leggi razziali, sarebbe morto di morte naturale come Franco. Resta una dittatura, ma anche espressione d’italianità. Bisognerebbe fare un’analisi meno ideologica su questo“.

Il suo rapporto con il Regime non è nuovo. La Hack, prima di diventare una scienziata, era campionessa sportiva dei Littorali, i campionati universitari di atletica organizzati dal Duce, a Como.