diredonna network
logo
Stai leggendo: Margherita Hack: “Il fascismo modernizzò l’Italia! Oggi ce lo sogniamo!”

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Margherita Hack: "Il fascismo modernizzò l'Italia! Oggi ce lo sogniamo!"

Margherita Hack, interpellata per esprimere un'opinione sul Ventennio, stupisce con un'ode al fascismo.

MARGHERITA HACKFOTO DI © DAIANO CRISTINI/SINTESI

Politicamente lei si definisce un ossimoro: comunista, antisovietica, favorevole alla proprietà privata e al fascismo. La celebre astrofisica Margherita Hack, a 90 anni, lascia tutti a bocca aperta con le sue ultime dichiarazioni.

Chiamata ad analizzare il Ventennio, la sig.ra Hack esprime la sua opinione, senza filtri: “Quello che ha ottenuto il fascismo in campo sociale oggi ce lo sogniamo. Le conquiste sociali del Fascismo? Non si trattava solo dei treni in orario. Assegni familiari per i figli a carico, borse di studio per dare opportunità anche ai meno abbienti, bonifiche dei territori, edilizia sociale. Questo perché solo dieci anni prima Mussolini era in realtà un Socialista marxista e massimalista che si portò con sé il senso del sociale, del popolo”

Conclude: “Le dirò  in un certo senso il fascismo modernizzò il paese. Nei confronti del Nazismo fu dittatura all’acqua di rose: se Mussolini non avesse firmato le infamanti leggi razziali, sarebbe morto di morte naturale come Franco. Resta una dittatura, ma anche espressione d’italianità. Bisognerebbe fare un’analisi meno ideologica su questo“.

Il suo rapporto con il Regime non è nuovo. La Hack, prima di diventare una scienziata, era campionessa sportiva dei Littorali, i campionati universitari di atletica organizzati dal Duce, a Como.