diredonna network
logo
Stai leggendo: Disoccupato assunto in diretta tv. Una bufala?

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Disoccupato assunto in diretta tv. Una bufala?

Disoccupato trova lavoro lanciando un appello in trasmissione da Barbara D'Urso. Ma pare fosse tutto un bluff.
barbara-d-urso

Ne abbiamo parlato l’altro giorno. Nel corso della puntata di Domenica Live, la trasmissione condotta da Barbara D’Urso, un padre di famiglia disoccupato e con 5 figli ha lanciato un appello “Datemi un lavoro!” e pochi istanti dopo, un imprenditore ha chiamato in diretta per proporgli un colloquio.

In molti però hanno iniziato a parlare di un bluff, una storia costruita a tavolino per commuovere il pubblico.

Massimo Amista, il disoccupato, e Marco Maniero, il titolare di un’impresa di arredamenti, si sono incontrati davvero ma il contratto è di 3 mesi. Maniero difende il suo gesto e racconta al Corriere:

Una troupe di Canale 5 insieme a Massimo è venuta a trovarmi in azienda mercoledì scorso – conferma l’imprenditore -, noi avevano bisogno di manovalanza e allora ho pensato “perché no?”. Ho anche deciso di estendere il contratto iniziale da uno a tre mesi per dare fiducia a quest’uomo.

Anzi, pare anche che il sig. Maniero abbia pagato una bolletta scaduta che, se non pagata, avrebbe lasciato la famiglia Amista al freddo. L’ex disoccupato, un po’ confuso, da la sua versione:

 

Sono entrato in contatto casualmente con Canale 5. Ho raccontato la mia storia e poi loro mi sono venuti a prendere a casa e mi hanno portato in giro per negozi e aziende della zona alla ricerca di lavoro. Dopo due ore avevo trovato questo impiego.

L’accusa, per la trasmissione, è quella di aver voluto montare una commovente storia per alzare lo share. Il giornalista commenta sul Corriere:

Era immaginabile che l’operazione realizzata dalla trasmissione di Canale 5 avrebbe fatto discutere. In primis quelle persone che ogni giorno cercano di dare risposte a centinaia di disoccupati in situazioni simili a quella di Amistà. «Non abbiamo bisogno di compassione – ha spiegato Antonio Silvestri, segretario padovano Fiom Cgil -, che vengano a vedere le centinaia di lavoratori che ogni giorno si mettono in coda dalle 7.30 del mattino per chiederci qualche aiuto, per dirci che sono rimasti senza lavoro e senza ammortizzatori sociali. La realtà è ben diverso da uno show televisivo. Che vadano tutti dalla D’Urso, se sono così bravi ad architettare queste sceneggiate.

Durante Pomeriggio Cinque la D’Urso ha però spiegato come sono andate realmente le cose: Amistà, con la conduttrice, avrebbe voluto fare una sorpresa alla moglie, non raccontando la sua fortunata assunzione della quale la donna è venuta  conoscenza tramite la telefonata fatta in diretta, e aggiunge:

Non c’è stata nessuna trasmissione taroccata, nessun bluff. Non abbiamo architettato sceneggiate, abbiamo aiutato una persona a trovare lavoro. Noi non facciamo tarocchi, agiamo con il cuore.