diredonna network
logo
Stai leggendo: Pallavolo: Sara Anzanello, giocatrice della nazionale, ricoverata in gravi condizioni

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Pallavolo: Sara Anzanello, giocatrice della nazionale, ricoverata in gravi condizioni

In pericolo di vita la pallavolista azzurra Sara Anzanello.Ricoverata ad inizio settimana, le sue condizioni peggiorano e i medici han deciso di trapiantare un nuovo fegato.
sara-arzanello

Cattive notizie per il mondo del volley. La campionessa del mondo 2002, Sara Anzanello, è ricoverata a Milano da mercoledì per una forma acuta di epatite che richiede l’immediato trapianto di fegato. L’intervento potrebbe essere effettuato in queste ore, ma ciò che sconvolge maggiormente è il rapido decorso della malattia, riconducibile a 48 ore precedenti il ricovero.

Un malore martedì e immediato il ricovero a Baku, in Azerbaijan, dove l’azzurra gioca attualmente. Poi il trasferimento in Italia dove è stata sottoposta a controlli. La decisione del trapianto è spettata ai medici italiani che hanno visto aggravarsi le condizioni di Sara. 

La famiglia sta vivendo ore di angoscia.

Classe 1980, Sara ha iniziato a giocare con la maglia del Volley Salgareda, la società di pallavolo trevigiana.  Ha assaggiato il professionismo con Latisana in A2. Ed è arrivata in Serie A1 nel 2001 con la maglia di Novara, che ha vestito per 8 stagioni vincendo una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana, una Top Teams Cup e due Coppe Cev. Nel 2009 veste la maglia di Villa Cortese, di cui diventa il capitano nella stagione successiva, vincendo due Coppe Italia e disputando altrettante finali scudetto. Proprio nel 2011 si trasferisce all’Azerrail Baku, con cui sfiora per due volte la final four di Champions League. In azzurro dal 1998, vince i Mondiali nel 2002, la World Cup nel 2007 e nel 2011 e la medaglia d’argento agli Europei del 2005, per 272 presenze totali.