diredonna network
logo
Stai leggendo: Pallavolo: Sara Anzanello, giocatrice della nazionale, ricoverata in gravi condizioni

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

Oroscopo dal 13 al 19 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Occhi al cielo: arrivano la luna rosa e la cometa verde

Omicidio di identità: "Sfregiare con l'acido è uccidere"

Come Mowgli: la vera storia della bimba allevata dalle scimmie nella foresta

Pallavolo: Sara Anzanello, giocatrice della nazionale, ricoverata in gravi condizioni

In pericolo di vita la pallavolista azzurra Sara Anzanello.Ricoverata ad inizio settimana, le sue condizioni peggiorano e i medici han deciso di trapiantare un nuovo fegato.
sara-arzanello

Cattive notizie per il mondo del volley. La campionessa del mondo 2002, Sara Anzanello, è ricoverata a Milano da mercoledì per una forma acuta di epatite che richiede l’immediato trapianto di fegato. L’intervento potrebbe essere effettuato in queste ore, ma ciò che sconvolge maggiormente è il rapido decorso della malattia, riconducibile a 48 ore precedenti il ricovero.

Un malore martedì e immediato il ricovero a Baku, in Azerbaijan, dove l’azzurra gioca attualmente. Poi il trasferimento in Italia dove è stata sottoposta a controlli. La decisione del trapianto è spettata ai medici italiani che hanno visto aggravarsi le condizioni di Sara. 

La famiglia sta vivendo ore di angoscia.

Classe 1980, Sara ha iniziato a giocare con la maglia del Volley Salgareda, la società di pallavolo trevigiana.  Ha assaggiato il professionismo con Latisana in A2. Ed è arrivata in Serie A1 nel 2001 con la maglia di Novara, che ha vestito per 8 stagioni vincendo una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana, una Top Teams Cup e due Coppe Cev. Nel 2009 veste la maglia di Villa Cortese, di cui diventa il capitano nella stagione successiva, vincendo due Coppe Italia e disputando altrettante finali scudetto. Proprio nel 2011 si trasferisce all’Azerrail Baku, con cui sfiora per due volte la final four di Champions League. In azzurro dal 1998, vince i Mondiali nel 2002, la World Cup nel 2007 e nel 2011 e la medaglia d’argento agli Europei del 2005, per 272 presenze totali.