diredonna network
logo
Stai leggendo: Sfida il terremoto per sposare la sua amata. Muore 9 mesi dopo

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Sfida il terremoto per sposare la sua amata. Muore 9 mesi dopo

Una storia d'amore trasformata in tragedia. Il giovane Simone, che pur di sposare la sua amata aveva affrontato il terremoto, è scomparso ieri mattina.
magia matrimonio
Una favola d’amore trasformata in tragedia. 

La storia di Simone Ravagnani, 30 anni di Salara (Rovigo), è stata resa nota dalla cronaca 9 mesi fa. Lui e la sua compaesana Alice Lisandri celebrarono le nozze 9 mesi fa in un parco poichè a causa del terremoto tutte le chiese della zona risultavano inagibili.

In occasione del loro matrimonio anche il figlioletto venne battezzato, con una benedizione speciale del vescovo De Franceschi che aveva concesso loro la deroga di celebrare le nozze in un posto non consacrato. I due non avevano voluto rimandare il loro sogno. Oggi, quel ragazzo che aveva commosso l’intera comunità è morto.

Simone è infatti scomparso ieri mattina a causa di una malattia incurabile, che lo ha colpito poche settimane dopo il suo matrimonio. Anche il viaggio di nozze era stato annullato per iniziare le cure presso l’ospedale Rizzoli di Bologna. 7 mesi trascorsi tra casa e ospedale, ma per Simone non c’è stato nulla da fare.

Un finale triste e tragico, per una storia d’amore bellissima.