diredonna network
logo
Stai leggendo: Sfida il terremoto per sposare la sua amata. Muore 9 mesi dopo

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Sfida il terremoto per sposare la sua amata. Muore 9 mesi dopo

Una storia d'amore trasformata in tragedia. Il giovane Simone, che pur di sposare la sua amata aveva affrontato il terremoto, è scomparso ieri mattina.
magia matrimonio
Una favola d’amore trasformata in tragedia. 

La storia di Simone Ravagnani, 30 anni di Salara (Rovigo), è stata resa nota dalla cronaca 9 mesi fa. Lui e la sua compaesana Alice Lisandri celebrarono le nozze 9 mesi fa in un parco poichè a causa del terremoto tutte le chiese della zona risultavano inagibili.

In occasione del loro matrimonio anche il figlioletto venne battezzato, con una benedizione speciale del vescovo De Franceschi che aveva concesso loro la deroga di celebrare le nozze in un posto non consacrato. I due non avevano voluto rimandare il loro sogno. Oggi, quel ragazzo che aveva commosso l’intera comunità è morto.

Simone è infatti scomparso ieri mattina a causa di una malattia incurabile, che lo ha colpito poche settimane dopo il suo matrimonio. Anche il viaggio di nozze era stato annullato per iniziare le cure presso l’ospedale Rizzoli di Bologna. 7 mesi trascorsi tra casa e ospedale, ma per Simone non c’è stato nulla da fare.

Un finale triste e tragico, per una storia d’amore bellissima.