diredonna network
logo
Stai leggendo: Partire per la Sicilia. Mandorli in fiore, sole e mare

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Jeggings: cosa sono, come indossarli e i modelli di tendenza

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

Partire per la Sicilia. Mandorli in fiore, sole e mare

La Sicilia non è solo mare: è cibo, cultura e storia. E Marzo è il mese ideale per visitarla.
agrigento-valle-dei-templi

Il mese di marzo “riveste di nuovi colori”  la natura siciliana che fiorisce tutto l’anno, solo l’arsura estiva ha la meglio. I campi rigogliosi, i mandorli in fiori, il mare splendente. Il sole non brucia come d’estate, ma lo stesso potete prendere un po’ di tintarella. Approfittando del caldo timido di Marzo (14 °C) diventa l’occasione giusta per visitare la città e degustare le delizie locali.

La Sicilia è stata culla di diverse civiltà: sono arrivati per primi i Greci e poi i Romani, gli Arabi e i Normanni, gli Angioini e gli Aragonesi. Da questo miscuglio di culture e identità nasce la sicilianità con il suo modo estroverso e con il suo linguaggio variopinto. Febbraio-marzo è il periodo ideale per fare lunghe passeggiate lungo la Valle dei Templi di Agrigento, per scoprire che il Tempio di Giove era lungo circa 113 metri e che il Tempio della Concordia era stato trasformato in una Chiesa Cristiana.

I templi più visitati sono: il tempio di Ercole, della Concordia, di Giunone, di Castore e Polluce e i ruderi del tempio di Giove (tutti in stile dorico e risalenti al  sec a.C.), collocati lungo il crinale di una collina. Da lassù potete ammirare il mare in lontananza e la vegetazione circostante. Una tappa da non perdere è l’incantevole giardino della Kolymbetra, affidato alla FAI, dove percorrete sentieri tra agrumeti e reperti archeologici.

Continua l’excursus lungo la costa, raggiungendo Modica, che insieme alla Val di Noto, è stata inserita nella lista patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Dopo il barocco vistoso e le degustazioni di cioccolato proseguiamo fino ad Avola, città dalla pianta esagonale. Finisce qui la prima tappa per la Sicilia, il cammino è lungo e i posti da conoscere sono tanti.