diredonna network
logo
Stai leggendo: L’ultimo post di Noemi e le storie da raccontare ai bambini: “Non è amore se fa male”

Cara Mimì, fossi viva ti uccideremmo ancora

Tutta colpa di Twiggy (e di Mary Quant) se le cattive ragazze indossano la minigonna

Stupro, quando a Tina Lagostena Bassi dissero "fosse stata a casa non sarebbe successo"

Stupro di Firenze: se la colpa è delle donne che provocano gli uomini

"Ho detto sì alle richieste dei miei figli per una settimana ed ecco cosa è successo"

Quei commenti delle donne che odiano le donne più dello stupro

"Cosa è successo con i ragazzi che ho conosciuto su un’app di incontri”

Se lo stupro diventa godimento o qualcosa da augurare a una donna

Il paese in cui stanno scomparendo i bambini affetti da sindrome di Down

"Sei la donna più forte che conosca": la dolce lettera di Serena Williams alla madre

L'ultimo post di Noemi e le storie da raccontare ai bambini: "Non è amore se fa male"

Dobbiamo raccontare alle bambine, alle ragazze e a noi donne favole diverse, dobbiamo sapere cos'è l'amore e cosa non è.

Noemi Durini è stata uccisa a 16 anni da colui che chiamava “amore”.
Non è la prima ad aver confuso l’ossessione perversa con la devozione di un innamorato.
Non sarà l’ultima a difendere ciò che amore non è, come se questa fosse la prova estrema di un sentimento capace di andare oltre tutto e tutti, da chi ne smaschera la vera natura criminale.

Noemi il 12 agosto scriveva

E non stupitevi se siamo ancora qua, abbiamo detto per sempre e per sempre sarà!

Noemi il 19 agosto forse era all’assenza di lui che dedicava questo:

e il 22 agosto postava un suo selfie in shorts davanti a uno specchio scrivendo

La voleva l’amore mio

A farlo era sempre Noemi, che il giorno dopo, il 23 agosto, postava questo, riprendendone pari pari il testo e tutti quei Non è amore se… che non sono bastati a salvarla.

Forse Noemi aveva intuito che non è amore se fa male, picchia, umilia, sminuisce, controlla.
Quello che nella ribellione dei suoi 16 anni, Noemi non sapeva è che l’amore che si prova non basta a trasformare in amore ciò che amore non è.

Dobbiamo educare uomini nuovi e raccontare ai bambini, maschi e femmine, favole diverse.
Dobbiamo sapere sin da piccoli cos’è l’amore e cosa non è.
E l’amore non è notti di attesa e lacrime, prove da superare, passioni cieche che bruciano tutto e ci lasciano a terra inermi.
Dobbiamo raccontarci storie d’amore vere, dobbiamo dirci quello che l’amore è: fiducia, reciprocità, quiete serena e consapevole della presenza dell’altro.
Non c’è nessuna principessa da salvare, né un vampiro in attesa di essere redento dal cuore puro di una donna che lo ama oltre se stessa.
Non c’è nulla di romantico in una passione che distrugge e nulla di virile nella forza.

L’amore non chiede di annullare se stessi.
Tutto l’amore che possiamo non salva nessuno che non voglia essere salvato e, succede, che non serva neppure per salvare se stesse.