diredonna network
logo
Stai leggendo: Simboli lavaggio: come interpretare al meglio le etichette sui vestiti

Simboli lavaggio: come interpretare al meglio le etichette sui vestiti

Come districarsi nel complicato mondo dei simboli del lavaggio? Ecco una guida che vi spiegherà passo passo tutti i significati dei simboli sulle etichette dei vestiti, per avere capi sempre impeccabili e non correre il rischio di rovinarli.
simboli del lavaggio
Fonte: web

Sono tanti, tantissimi, forse per alcune di noi persino troppi; eppure, i simboli del lavaggio ci forniscono informazioni preziosissime sulla cura che dobbiamo avere per i nostri capi, spiegandoci esattamente come lavarli, o come procedere alla stiratura, per non rischiare di non rovinarli.

I simboli che troviamo sulle etichette dei vestiti ci indicano infatti esattamente qual è la maniera adeguata per trattare un capo, cosa che, soprattutto quando ci troviamo di fronte a un abito, una maglietta o a un pantalone nuovi e perciò destinati al primo lavaggio, può sempre suscitare qualche dubbio e perplessità.

Cerchiamo di capire meglio come interpretare i simboli destinati appunto al lavaggio, per sapere scegliere esattamente quali sono i capi che potremo affidare alla lavatrice e quali, invece, quelli che necessitano di essere lavati a mano perché più delicati.

Cominciamo con il lavaggio “tradizionale” quello da effettuare a mano o in lavatrice.

Lavaggio:

 

Questo simbolo, recante la bacinella con la X, indica che il capo non deve essere lavato con acqua; necessiterà probabilmente di lavaggio a secco.

 

 

Il simbolo della bacinella indica che il lavaggio può essere effettuato sia a mano che in lavatrice

 

 

La linea indica il lavaggio a velocità ridotta, con programmi delicati, che prevedono risciacquo a bassa temperatura e centrifuga breve

 

Il simbolo indica la necessità di lavare a mano, con risciacquo normale e una centrifuga delicata

 

 

Il capo deve essere lavato in lavatrice, in questo caso a 30°. In caso si trovino simboli recanti 40, 50, 60, 70 o 95 significa che i gradi massimi per lavare quei capi sono quelli. Se sotto il simbolo della bacinella troviamo una linea significa che il lavaggio va eseguito a media velocità per i capi sintetici, mentre se le linee sono due il lavaggio deve essere extra delicato.

Veniamo ora ai simboli del lavaggio a secco, i quali possono anche essere combinati fra loro per fornire indicazioni maggiormente approfondite e più dettagliate.

Lavaggio a secco:

 

Come nel caso della bacinella, anche in questa circostanza la X apposta sopra il cerchio indica che il capo non può essere lavato a secco.

Di conseguenza, il cerchio indica che il capo può essere lavato a secco con tutti i tipi di solvente

 

Occorre prestare particolare attenzione nel lavaggio di questo capo, perché potrebbe essere soggetto a restringimento

Il simbolo indica il lavaggio con tutti i solventi in uso

 

Per questo capo è necessario un lavaggio con idrocarburi e trifluoro-tricloroetano

 

Il simbolo accompagnato da una P indica lavaggio con percloroetilene, dissolventi clorati ed essenze minerali

 

La linea sotto il cerchio, di nuovo, indica di prestare particolare attenzione al lavaggio da effettuare con percloroetilene, dissolventi clorati ed essenze minerali

A volte, però, i nostri dubbi sono anche rivolti all’utilizzo della candeggina; sappiamo, infatti, che non tutti i capi possono essere sottoposti al candeggio, ad esempio quelli colorati, che rischierebbero di uscire sciupati e completamente stinti dal lavaggio di questo tipo. Sappiamo che la candeggina, oltre a disinfettare i capi e qualsiasi altra superficie, può sbiancare indumenti ingialliti o non più molto bianchi, macchiati dal tempo o dall’uso sbagliato. Ma allo stesso modo sappiamo che può essere usata solo i colori bianchi, beige, o con quelli resistenti alle alte temperature, sia a mano che in lavatrice. Pizzo, seta e tessuti estremamente delicati non possono essere sottoposti al candeggio.

Ecco come i simboli di lavaggio sulle etichette ci spiegano se con il capo può essere utilizzata o meno la candeggina.

Candeggio:

Il capo non può essere candeggiato

 

Si tratta di un indumento candeggiabile con qualsiasi candeggio

 

Il capo può essere candeggiato, ma solo con prodotti al cloro

 

E per quanto riguarda asciugatura e stiratura? Ecco quello che viene indicato nelle etichette.

Asciugatura:

L’indumento è asciugabile in lavatrice

 

Il capo non può essere messo in lavatrice

 

Stiratura:

Si può stirare il capo

 

Un pallino indica che l’indumento può essere stirato a 110°, preferibilmente senza vapore. Due pallini indicano una temperatura massima di  150°, 3 pallini che la temperatura deve essere al massimo di 200°

 

Il ferro da stiro con la croce indica che il capo non può essere stirato