diredonna network
logo
Stai leggendo: “Ho detto sì alle richieste dei miei figli per una settimana ed ecco cosa è successo”

"Ho detto sì alle richieste dei miei figli per una settimana ed ecco cosa è successo"

A volte non si ha misura. Ci si sbilancia sui sì o sui no. Ma i bambini hanno bisogno di un certo equilibrio sulle concessioni.
Sì
Fonte: Pixabay

Sì o no? Quante volte propendiamo per una di queste sillabe o l’altra? Nel 2008 uscì un film con Jim Carrey che si intitolava “Yes Man”. Il protagonista frequentava un corso in cui gli insegnavano che, per essere felice avrebbe dovuto dire sempre sì. Quando si hanno figli le cose cambiano non poco. I nostri sì diventano più spesso no. Non lo facciamo con cattiveria, li chiamiamo i «no che aiutano a crescere». Però si arriva a un punto che i figli credono di ricevere solo un rifiuto, e allora come si fa? È partita da questo presupposto Kate Spencer, che ha deciso di lanciarsi in un’esperimento peculiare: dire per una settimana sempre sì ai propri figli e scriverne i risultati in un articolo per Cosmopolitan.

Naturalmente ha dovuto fissare delle regole, come qualche no per richieste reiterate che possano evitare di uscire ogni sera a cena o lasciar guardare la tv per otto ore al giorno. Naturalmente anche i viaggi a Disneyland e simili sono esclusi, come le richieste di denaro oltre i 20 dollari una tantum e oltre i 50 complessivi per tutta la settimana. Ovviamente, durante l’esperimento nessuno avrebbe fatto del male a se stesso o ad altre persone.

Vi vogliamo raccontare come è andata la settimana di Kate senza no.

Continua a leggere