diredonna network
logo
Stai leggendo: Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la “faccetta” più antica

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

Oroscopo dal 17 al 23 agosto - Come sopravvivere alle stelle

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Ha 3700 anni ed è il primo emoji della storia: ecco la strabiliante scoperta di un archeologo italiano.
Fonte: Tumblr

Tutti adoriamo gli emoji. Ce ne sono davvero per tutti i gusti tanto che queste divertenti “faccette” le possiamo trovare non solo in ogni social network, ma perfino stampate su maglie, pigiami e perfino come portachiavi.

C’è chi ci ha perfino fatto dei dolci ispirati, come questi dolcissimi muffin per tutti i gusti.

Emoji-mania, qualcosa che ricorda la unicorn mania che ancora impazza sul web grazie alla variopinta bevanda di Starbucks ma quello scoperto da un team di archeologi è a dir poco sorprendente.

Fonte: sito archeologico di Karkemish

È stato scoperto a maggio 2017, in un’antica città al confine tra Turchia e Siria, e sembrerebbe essere il primo emoji della storia. A spiegarlo è proprio lo stesso archeologo, di origini italiane, che ha dato luce agli scavi, scoprendo dunque un antico recipiente abbastanza singolare.

Su di esso vi sono state incise tre pennellate ben visibili che, nell’insieme, vanno a formare una faccia sorridente.

È probabilmente l’emoji più antica del mondo. Non esiste nulla di simile nell’arte antica.

Ha annunciato l’archeologo durante un’intervista.

La brocca ritrovata veniva probabilmente utilizzata per bere il tradizionale sherbet, una bevanda dolciastra e fredda molto diffusa nel Medio Oriente Antico.

Gli scavi protagonisti della vicenda sono quelli della città di Karkemish, scoperta nei primi anni del Novecento dal tenente colonnello e archeologo Thomas Edward Lawrence. Anche detta Molo del dio Kamis (una divinità molto popolare nell’antichità, nel nord della Siria), è stata una città abitata dal sesto millennio a.C., fino al Medioevo quando venne abbandonata. Solo durante i primi anni del 1920 si ripopolò, divenendo un avamposto militare turco.