diredonna network
logo
Stai leggendo: Professione damigella d’onore ai matrimoni: ecco cosa fa (e quanto guadagna)

Professione damigella d'onore ai matrimoni: ecco cosa fa (e quanto guadagna)

Avete mai pensato di "noleggiare" una damigella d'onore per il vostro matrimonio? Questa ragazza americana ha avuto l'idea di trasformare questo ruolo in una professione, e ha una lista di clienti davvero infinita!

Certo a tutte noi, almeno una volta nella vita, sarà capitato di partecipare a un matrimonio, magari in veste di testimone o di damigella d’onore; è un “privilegio”, quest’ultimo, che spetta indubbiamente alle amiche più care della futura sposa, quelle cresciute insieme a lei o che, con lei, comunque, hanno condiviso i momenti più importanti della vita.

Essere una damigella d’onore non è cosa da poco, soprattutto quando si deve organizzare un perfetto addio al nubilato per la sposa:

Eppure, c’è anche chi ha pensato di far diventare questo ruolo un vero e proprio mestiere: lo ha fatto, ad esempio, Jen Glantz, una bella ventottenne originaria della Florida ma trapiantata a New York che, dopo l’ennesima richiesta da parte di un’amica di essere la sua damigella d’onore, cogliendo il suggerimento scherzoso della coinquilina, ha davvero deciso di mettersi al servizio, professionalmente, per tutte le spose in cerca di una “bridesmaid“.

A Jen era infatti capitato di essere stata chiamata da un’amica per essere la sua damigella d’onore la prima volta nell’estate del 2014, per poi ricevere una richiesta identica, da parte ovviamente di un’altra futura sposa, a distanza di pochissime ore.

La stessa notte in cui la coinquilina, ironicamente, le disse. “Ehi, potresti fare la damigella d’onore professionista!” Jen ha messo un annuncio su Craigslist, offrendo la sua esperienza per accompagnare le spose lungo la navata. La mattina successiva, ha raccontato Jen al NY Post, si è svegliata con più di 250 e-mail nella sua casella di posta. La ragazza, che era da poco stata licenziata dal suo lavoro come copywriter, ha così lanciato “Bridesmaid for Hire“, accumulando una lista di clienti di circa 65 spose. E ora ha raccolto le sue esperienze in un nuovo memoriale, “Always a Bridesmaid (for Hire): Stories on Growing Up, Looking for Love, and Walking Down the Aisle for Complete Strangers”, pubblicato da Atria e disponibile anche su Amazon.
Jen dice di aver riempito un vuoto nell’industria multimilionaria delle nozze, perché le spose – e anche alcuni sposi – hanno bisogno talvolta di un allenatore e di un amico, qualcuno che le accompagni facendole sentire tranquille e serene nel giorno più importante (e probabilmente più stressante) delle loro vite.

Dico che faccio quattro cose: la terapeuta a chiamata, l’assistente personale, il direttore sociale e la custode della pace. La tua solita damigella d’onore, potrebbe non avere il tempo di trascorrere quattro ore al telefono con te o di programmare la tua festa di addio al nubilato.

Basta con il solito addio al nubilato: ecco 9 idee davvero divertenti

Jen offre diversi pacchetti: il più costoso, il “Behind the Scenes” ha un costo di 1.500 dollari e comprende le consultazioni pre-matrimoniali, gli accordi con i fornitori e l’assistenza completa il giorno dell’evento, incluso l’aiuto nella festa nuziale; con un’aggiunta di 500 dollari, però, Jen sarà davvero la vostra damigella d’onore, anche se non vi aspettate che possa tenervi lo strascico! Per coloro che non cercano un investimento di questo tipo, la ragazza offre però consulenza e assistenza per le future damigelle d’onore a 150 dollari, oppure una serie di “corsi per diventare una perfetta damigella d’onore” al costo di 35 dollari.
Insomma, si parla di cifre importanti, ma almeno le clienti rimangono soddisfatte dai suoi servizi?

Fonte: NY Post

Anne Griffin, una manager trentenne di Harlem, ad esempio, ha scelto il pacchetto Behind-the-Scenes per il suo matrimonio, svoltosi lo scorso ottobre a Philadelphia.

Ho avuto un wedding- planner – ha spiegato – ma ho voluto comunque qualcuno che potesse gestire le responsabilità che normalmente cadono sulle damigelle. Volevo che i miei amici godessero della festa nuziale. Era un modo per ringraziarli di aver partecipato e aver speso il loro tempo per noi. Quando un invitato ha dimenticato una cosa all’hotel, Jen è tornata indietro a prenderla, e si è assicurata che tutti avessero cibo e bevande a sufficienza per tutto il giorno.
Tutte le mie damigelle hanno detto che era il miglior matrimonio a cui avevano mai partecipato, perché non erano stressate.

Jen sottolinea la differenza fondamentale tra il suo lavoro e quello di un wedding planner, che attiene soprattutto all’aspetto delle esigenze emotive della sposa, di cui lei si occupa. A dispetto di quanti pensino che sia sciocco assumere uno sconosciuto per guidarti in un giorno così importante, invece di affidarsi a famiglie o amici stretti, avere una fonte esterna su cui contare può essere un grande aiuto per le spose stressate.

Le spose – spiega – spesso mi dicono quando hanno i piedi freddi per la tensione, mentre sono troppo nervose per dirlo alle amiche.

Che lei sappia, nessuna delle coppie con cui ha lavorato ha divorziato. E guardando le coppie unirsi ha imparato qualcosa anche sulla propria vita amorosa. Già, chi è così vicina all’amore cosa dice a proposito del suo, di cuore?

Essere una damigella d’onore professionista mi ha insegnato che è importante avere sempre al tuo fianco qualcuno che non necessariamente ti farà solo ridere o sentire le farfalle nello stomaco, ma  che ti capisca e ti stia vicino quando le cose diventano difficili.

Jen è fidanzata da quasi un anno con Adam Kossoff; e, se certamente vede il matrimonio nel suo futuro, le sue non dovranno mai essere nozze tradizionali. Anzi, dice sorridendo,

Ho sempre pensato che sarebbe divertentissimo chiedere alle persone che mi hanno ‘noleggiata’ di ricambiare il favore e essere le mie damigelle.