diredonna network
logo
Stai leggendo: Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Troppo grassa per sfilare. La modella viene licenziata, ma lei non ci sta, e questa è la sua reazione, affidata ai social.
Fonte: facebook @Ulrikke Louise Lahn Høyer

Si parla spesso di anoressia e di altri problemi legati ai disturbi alimentari, dato che, purtroppo, il tema resta di estrema attualità, e soprattutto le giovanissime sono particolarmente esposte ai rischi legati a una concezione di bellezza che vede nella magrezza (molte volte eccessiva) l’unica espressione possibile. Cosa non vera poiché ogni donna è bella perché è unica a suo modo:

A finire nell’occhio del ciclone sono principalmente i social network, “rei” di diffondere rapidamente messaggi che propongono canoni estetici irreali e distorti, grazie anche all’utilizzo di programmi di modifica delle immagini (Photoshop su tutti), oppure di lanciare sfide che inneggiano proprio al raggiungimento di una magrezza assolutamente oltre il limite, come nel caso della A4 Waist Challenge.

Anche la moda, comunque, continua a rimanere al centro dell’attenzione, perché, come è risaputo, i dettami del mondo del fashion, rigidissimi, sono improntati a far sfilare in passerella ragazze decisamente esili, e questa continua a essere la norma, nonostante le ostentate aperture verso taglie più “normali” (parliamo comunque di una 40-42 al massimo) degli ultimi anni. È proprio di questi giorni la notizia di una modella licenziata dalla prestigiosa maison francese Louis Vuitton, perché – pensate un po’ – giudicata “troppo grassa”.

Lei, Ulrikke Louise Lahn Høyer, giovanissima modella danese, lunghi capelli biondi e fisico – nemmeno a dirlo – statuario – si è però ribellata alla decisione della griffe, e ha deciso di scrivere un lungo post sulla propria pagina Facebook, per “denunciare” il trattamento subito.

Quando dico alle persone che lavoro come modella, ottengo sempre reazioni molto positive, visto che la gente ha questa idea che il fare la modella sia così facile e incredibile, e che tutto ciò che stai facendo sia glamour. Hanno ragione, ma l’altro faccia della medaglia è molto diversa, e non ha niente di glamour. Come giocatrice di tennis dall’età di 6 anni sono stata abituata ad avere grandi aspettative, e anche a una buona cura dell’alimentazione e del duro allenamento, quindi conosco anche le esigenze e le aspettative che vengono date alla moda di fascia alta, ma sono modelli spesso completamente irraggiungibili e che danneggiano direttamente il corpo umano.
Quando tornavo a casa da uno dei miei viaggi, ho spesso detto alla mia famiglia che credevo di essere più grossa rispetto alle altre ragazze, e che loro erano molto più magre di me. Naturalmente i miei genitori non mi credevano, perché potevano vedere quanto fossi magra, e talvolta erano preoccupati che fossi addirittura troppo e innaturalmente sottile. Ma quando mia madre mi seguì a uno dei casting, lo sperimentò in prima persona. Era sconvolta nel vedere quanto malsana e triste apparisse la maggior parte delle ragazze. Molte delle ragazze non hanno il loro ciclo, e il colore della loro pelle cambia a causa della cattiva ed errata alimentazione, e quasi tutte hanno una relazione completamente distorta con il cibo. Purtroppo questa è la verità, posso dirlo perché vedo e sento tutto questo nel mio lavoro.

Fonte: instagram @Ulrikke Louise Lahn Høyer

Sono appena tornata da Tokyo, dove Louis Vuitton ha tenuto un bellissimo spettacolo a Kyoto (il 14 maggio),che io non ho fatto perché mi è stato detto che sono “troppo grassa”. (Sono una taglia 34-36).
Mesi prima dello spettacolo, Louis Vuitton aveva mostrato interesse ad usarmi e mi ha opzionata.
Arriva il 23 aprile e vengo misurata dalla mia agenzia danese, e i miei fianchi sono di 92 cm. Conoscendo le dimensioni dei vestiti, la rigidità di quel mondo, decidiamo di dire a chi si occupa del casting una piccola bugia bianca e che non potrò venire a Parigi per il montaggio il 25 aprile, e per questo non potrò fare lo spettacolo in Giappone. Alexia Cheval di Ashley Brokaw Casting chiede al mio agente francese se questa è la verità e cosa possiamo fare. Abbiamo deciso di raccontare loro la verità e LV ha insistito per farmi volare subito a Parigi il giorno successivo. Sono andata al montaggio (ho provato un vestito e un cappotto) e prima di rimettermi i miei vestiti hanno confermato la mia presenza allo show.
Ero entusiasta all’idea di andare in Giappone e felice di sapere che, anche se non ero nella mia forma migliore, Louis Vuitton voleva ancora la mia presenza nel suo spettacolo. Nel frattempo stavo lavorando molto duramente per riportare le mie misure al punto “giusto” (diventa sempre più difficile, è come se il mio corpo stesse lavorando contro il mio duro lavoro, come se non rispondesse, quasi fosse abituato).
Il giorno prima di partire ho fatto un aggiornamento delle misure presso la mia agenzia, e ora ero 91,5 cm sui fianchi, avevo perso 0,5 cm. Ero sollevata quando me lo hanno confermato.
Dopo un viaggio di 23 ore sono arrivata a Tokyo mercoledì sera (10 aprile). Giovedì alle 3:30 di pomeriggio ho avuto il mio fitting. Quel giorno ho fatto una piccola colazione e ho bevuto appena acqua e tè prima del montaggio, perché così facciamo… ho provato il mio vestito e il cappotto che mi erano stati fatti indossare a Parigi. Ho cambiato le scarpe e i pantaloni un paio di volte, (la procedura normale, in quanto vogliono trovare il look migliore). Poi ho provato un abito gonfio con la schiena nuda. Subito dopo ho avuto una chiamata dal mio agente francese che mi ha detto che avrei avuto un rifinitura il giorno dopo (venerdì) alle 12 del mattino (il mio agente danese mi dice dopo che Alexia aveva detto al mio agente francese che avrei dovuto prendere tutto questo sul serio). Quella notte il mio agente francese mi ha chiamato e mi ha detto che Alexia aveva detto che c’erano stati alcuni problemi durante il fitting. Secondo lei avevo “uno stomaco molto gonfio”, la “faccia gonfia” e mi ha spinto a morire di fame con questa affermazione: “Ulrikke deve solo bere acqua per le prossime 24 ore“. Sono rimasta scioccata quando l’ho sentito. Questo era esattamente quello che volevamo evitare quando abbiamo cercato di annullare perché ero più “grassa” del previsto.
Quella stessa sera Louis Vuitton aveva organizzato una bella cena e karaoke per tutti i modelli. Sono rimasta a casa, affamata, a letto, perché non volevo sedermi e mangiare davanti a una donna che aveva appena detto che non avevo bisogno di cibo.
Mi sono svegliata alle 2 del mattino ed ero estremamente affamata. La colazione è iniziata alle 6:30 – ho avuto il minimo assoluto. Ho avuto paura di incontrare Alexia, e per mia fortuna lei non è arrivata fino alle 8 del mattino, quando il mio piatto era già stato tolto dal tavolo. Ha dato il buongiorno a me e alle altre ragazze, e poi mi ha guardata, poi ha guardato il mio piatto inesistente e poi me ancora una volta. Stava controllando se avevo mangiato.
Proprio prima delle 12 il mio fitting è stato riprogrammato a un non meglio definito momento, più tardi quel giorno. Non è mai avvenuto, perché alle 7 di sera, la mia agente dalla Danimarca mi ha chiamata dandomi la triste notizia che Louis Vuitton aveva scelto di cancellarmi dallo show senza fare un’altra prova, e che sarei stata mandata a casa. Non solo avevo la pancia, la mia faccia era gonfia e ora anche anche la mia schiena era un problema, ora pensavano l’abito mi stesse diversamente sulla schiena rispetto a quando lo avevo provato a Parigi … (anche questo l’ho saputo solo leggendo una mail presso la mia agenzia, quando sono tornata ). Non sapevo se dovevo piangere o ridere.
Sono andata a cena con le altre modelle e consapevolmente mi sono messa con le spalle al muro, perché non volevo confrontarmi con la gente che mi aveva appena umiliata sulla base più ridicola e ingiusta – avevo fatto solo quello che mi era stato detto. 3 ore dopo ero su un aereo che tornavo a casa.
Quella che doveva essere stata un’esperienza veramente incredibile e unica ha finito per essere un’esperienza molto umiliante.
Se volevano solo cancellare quell’outfit (dato che non l’ho visto sulla passerella) allora perché la necessità di molestarmi… dicendo / scrivendo queste cose ai miei agenti. Tale mancanza di rispetto e di decenza mi hanno fatto decidere di non lavorare mai più in tali condizioni.
Sono arrivata a casa, a Copenaghen, sabato 13 e la mia agenzia mi ha chiesto di venire per prima cosa lunedì mattina per capire se ci fosse una verità dietro la causa della cancellazione.
Mi hanno misurata e i miei fianchi erano ancora 91,5 cm, ancora 0,5 cm dai 92 cm di Parigi.
(La mia agenzia danese ha chiesto alla mia agenzia francese di farmi avere foto del fitting, così avremmo potuto vedere noi stessi, ma Alexia ha detto che non c’era modo di inviare un’immagine di un abito che non era ancora sulla passerella, quindi abbiamo ricevuto un’e-mail che non spiegava la cancellazione, senza una foto).
Non è il fatto di essere eliminata da una sfilata, l’ho già provato (come tutte le ragazze del mio livello) una vince e l’altra perde, questo è il gioco. Ma non posso accettare la “normalità” nel comportamento di persone come queste. Loro provano piacere nell’avere potere sulle ragazze e nel portarle all’estremo per forzare un disturbo alimentare su di loro. Se questo dipende direttamente da loro o da alcune delle case di moda non lo so, perché ho avuto a che fare con chi si occupa dei casting (Alexia e Ashley). Nicholas è super gentile e tratta tutti con rispetto, e ricorda anche tutti i nomi delle ragazze ecc. , ma le misure dei pezzi che sfilano sono pensate solo per spingere le donne ad avere disturbi alimentari. Andate a guardare lo spettacolo e vedetelo da soli, anche i pantaloni più stretti cadono sui corpi delle modelle che li indossano.
Sono consapevole di essere “un prodotto”, posso separarlo dalla mia vita, ma ho visto troppe ragazze troppo magre che non capisco nemmeno come riescano a camminare o a parlare. È così evidente che queste ragazze abbiano un bisogno disperato di aiuto. È divertente sapere come puoi essere 0,5 o 1 cm “troppo grassa” ma mai 1-6 cm “troppo piccola”.
Sono contenta di essere una ragazza di 20 anni e non una di quindici, nuova in questo mondo e affatto sicura di se stessa, perché non ho dubbi che sarei finita con l’essere molto malata e ferita da adulta.
Ho lavorato e lavoro con così tante persone meravigliose e ho grandi esperienze, quindi un grande grazie a tutti voi, clienti incredibili che avete un cuore umano.

Continua a leggere