diredonna network
logo
Stai leggendo: “Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice”: la storia di Kai e di mamma Kimberly

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Lui è Searyl, il primo bambino al mondo né maschio né femmina

Morire in diretta Instagram a 16 e 24 anni: l'ultima tragica story delle reginette di bellezza

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Vi raccontiamo la storia di Kimberly, una mamma coraggiosa che, sfidando i pregiudizi e le critiche della sua comunità, ha aiutato il suo bambino transgender di appena 4 anni a cambiare sesso, fino a diventare una stupenda bambina di nome Kai.
Fonte: cosmopolitan

Per nessun genitore al mondo, neppure il più aperto mentalmente, è facile capire esattamente come comportarsi di fronte a un figlio che ti chiede di cambiare sesso perché si sente inadeguato nel corpo con cui è nato, soprattutto nei primissimi momenti dopo aver ricevuto la notizia. Nessuno nasce preparato ad affrontare a questa eventualità, diciamoci la verità, e i modi di reagire possono essere molteplici e tutti diversi fra loro, poiché ovviamente corrispondono a ciò che ogni padre o madre pensa, ha vissuto o vive, crede, sente. Ma se pensate che sia difficile (e lo è) approcciarsi a una situazione del genere con un figlio adulto, provate a immaginare quanto ogni complicazione, mentale, psicologica, ogni reazione, inevitabilmente si amplifichi se a dirti di essere nato nel corpo sbagliato è un bambino. Se tuo figlio, seppur così piccolo, ti confessa di non sentirsi a proprio agio con il sesso con cui è venuto al mondo, e ti chiede di poterlo cambiare.

Mille modi di reagire, dicevamo, che irrimediabilmente spaziano dall’incredulità, allo choc, allo sgomento, fino alla ricerca delle sue ragioni. Cosa fare con un bambino che ti chiede di poter diventare una femminuccia, o viceversa, una volta che, da genitore, si è presa la piena consapevolezza che non si tratti di un “capriccio infantile” ma di una vera e propria richiesta di aiuto? La mamma di questo video, ad esempio, in una maniera dolcissima, ha deciso di regalare alla propria bambina la prima dose di ormoni necessari per il lungo e complesso processo del cambio sesso.

E adesso vogliamo raccontarvi un’altra bellissima storia di accettazione, di comprensione e di amore: quella di mamma Kimberly Shappley, che ha scelto di aiutare il suo piccolo Kai, di appena 4 anni, a diventare finalmente ciò che lui ha sempre sentito di essere, una bambina. Kimberly ha raccontato la loro esperienza a Cosmopolitan, e noi ve la riportiamo, non sotto forma di traduzione professionale, ma solo come testimonianza di una reazione piena di vero amore materno, di tolleranza e di umanità.

Ricordo una notte, quando Kai era molto piccola e io la stavo coccolando nel letto. Le sue gambe erano fredde e, preoccupata, ho sollevato le lenzuola, scoprendo che aveva preso un paio di mutandine da una bambola e le aveva indossate. Le mutandine gli impedivano la circolazione sanguigna, e se avesse dormito in quel modo durante la notte, avrebbe potuto essere molto pericoloso. Dopo quell’esperienza ho capito che non potevo più ignorare qualcosa di verissimo su mio figlio: il mio bambino, nato Joseph Paul Shappley, era una femmina.
Sono cresciuta come una cristiana devota, conservatrice, con i valori forti repubblicani del Sud. È un luogo in cui l’essere diversi non soltanto è visto come imperdonabile, ma può anche metterti in pericolo. Io ero e sono un membro attivo della nostra chiesa locale. Guidavo un piccolo ministero che insegnava lo studio della Bibbia, e non sostenevo coloro che vivevano secondo lo stile LGBTQ. Quella era solo una parte del trucco cristiano che ero stata portata a credere. Sapevo che avrei infuso quegli stessi principi nei miei figli.
Ma tutte le mie convinzioni sono state messe in discussione quando, a 18 mesi, Kai ha iniziato a esibire caratteristiche femminili molto forti. Dal momento in cui nacque il mio figlio, tutto ciò lo riguardava era rivolto alla femminilità. Tirava le magliette intorno alla vita per farle gonne. Legava camicie a maniche lunghe intorno alla testa per fingere di avere i capelli lunghi. L’ho costretta così a lungo a indossare vestiti con stampe mimetiche e supereroi, e tagliavo i suoi capelli quasi alla maniera militare. Kai ha altri tre fratelli che sono maschi, quindi ho pensato che anche un ambiente familiare molto ricco di testosterone avrebbe potuto aiutare. Tutto era “pesca” e “sputi” e “cose da maschi”. Ma Kai continuava ad essere Kai.
Come madre cristiana che cresceva una famiglia cristiana, è stato un momento molto difficile per me. Non ero pronta a permettere a Kai di “passare socialmente” – soprattutto a quella giovane età. La mia lotta interna mi tormentava quotidianamente. Mi sentivo di non poter andare contro tutto quello che ero stata portata a credere, eppure non potevo nemmeno permettere a Kai di vivere in un’agonia così evidente. Non ero pronta a affrontare il fatto che il mio bambino di 1/2 anni si sentisse una bambina. Quella battaglia durò per un paio di anni.

 

Fonte: kimberly shappley

Poco dopo che Kai compì 2 anni, amici e famiglia iniziarono a notare il suo comportamento. Vivere a Pearland, Texas, significa ricevere un sacco di sguardi e di domande. Kai avrebbe giocato solo con altre ragazze e ragazze. Diceva che i maschi erano ‘grossolani’. I membri della famiglia erano stanchi di chiedermi se questo bambino fosse gay. Mi rendeva nervosa e costantemente preoccupata di ciò che la gente avrebbe potuto pensare di me, di noi e della mia genitorialità. Mentre la famiglia stava mettendo in dubbio se Kai fosse gay, un mio amico cristiano, che è anche uno psicologo infantile, mi ha chiesto: ‘ Hai notato il comportamento femminile di Kai?’. Era una domanda così dolce, in contrasto con il tono accusatorio degli altri. Ho detto: ‘Ho notato, ma credo che per capirlo dovrà crescere’. Ora posso ridere. È così chiaro, in retrospettiva, che questa non era una fase di passaggio. Ma quando il mio amico mi ha chiesto questo, non ero ancora pronta ad accettarlo. Mentre continuavo a guardare il mio bambino in via di sviluppo, il mio amico ha iniziato a evidenziare che stava succedendo qualcosa di molto reale. Mi ha detto che Kai poteva essere transgender, che era qualcosa che dovevo prendere in considerazione.
Quando Kai aveva 3 anni e mezzo, non potevo più ignorarlo. Parlava di sé al femminile almeno sei volte al giorno. Tutto era: ‘Sono una principessa’ e ‘Sono una bambina’. Ogni volta che diceva qualcosa di simile, scendevo al suo livello e dicevo saldamente: ‘No, tu sei un bambino’. Non ha mai funzionato. Mi correggeva aspettando che fossi intenta a fare qualcosa e quindi incapace di inseguirla, per correre nella stanza e gridare: ‘Io sono una ragazza!’. Ho fatto tutto quello che potevo per porre fine a quel tipo di conversazione. Ci sono stati time-out, così tanti time-out. C’erano sculaccioni, e urla, e infinite preghiere. Ho anche contattato l’asilo nido che Kai frequentava e ho chiesto loro di mettere via ogni singolo giocattolo da bambina. Lo hanno fatto, ma Kai non ha mai cambiato atteggiamento. La tenacia e il coraggio di questo bambino sono qualcosa da cui ho imparato tanto.
Ho iniziato a rivolgermi a più professionisti, tra cui uno psichiatra infantile che mi ha chiesto: ‘Se tu e Kai foste un’isola deserta, le lasceresti indossare abiti da bambina?” Dissi: ‘Probabilmente’. Lo psichiatra mi ha detto che non avevo un problema con Dio, ma rispetto a quello che gli altri avrebbero pensato di me e di mio figlio. Ciò ha fatto davvero mettere in moto tutti i miei ingranaggi. Pensavo, ok, potrei cominciare con le mutandine da bambina. È qualcosa che nessun altro vedrà. Ci sono voluti tre o quattro viaggi a Walmart finché non mi sono convinta finalmente a farlo. Le prendevo e poi le lasciavo nel negozio piangendo mentre uscivo dalle porte automatiche. Ero sconvolta e in colpa perché non riuscivo a farlo. Era qualcosa di così apparentemente piccolo, ma era un ostacolo enorme da superare.

Fonte: kimberly shappley

La colpa e la confusione mi stavano divorando in una battaglia costante per trovare una soluzione. Kai aveva ancora 3 anni e mezzo quando ho conosciuto la storia di Leelah Alcorn online. Leelah, nato Josh Alcorn, aveva espresso il desiderio di vivere come una ragazza. I suoi genitori, religiosissimi, dissero che non lo avrebbero sostenuto. Leela ha poi scritto una lettera ai suoi genitori, e un passaggio specifico  mi ha colpita: ‘Anche se siete cristiani o contro i transgender, non lo dite mai al vostro bambino, che non farà altro che odiarsi. Quello che mi è successo’. La storia di Alcorn è finita tragicamente – si è suicidata perché i suoi genitori non le avrebbero permesso di essere chi Dio aveva pensato dovesse essere. Questa cosa mi ha colpita troppo nel profondo. Avevo sentito che Kai che pregava di lasciare che Joseph tornasse a casa e vivesse con Gesù. Voglio dire, il mio bambino chiedeva al Signore di farlo morire.
Dopo questo ho iniziato a studiare per molto tempo Gesù, conoscendo di più la sua natura e il suo carattere. Ho anche letto e riletto le sue interazioni con i farisei. I religiosi della Bibbia usavano sempre la Scrittura per giustificare le loro azioni odiose, e Gesù costantemente entrava e chiedeva loro di vedere la Scrittura secondo la prospettiva di amare la persona. Quindi questo è quello che ho iniziato a fare. In linea, ho trovato una comunità segreta di Facebook delle mamme cristiane dei bambini LGBTQ. È un bellissimo gruppo con un totale di più di 2.000 mamme adesso. Ho trovato donne che pregavano con me e per me. Ho trovato un gruppo di donne cristiane non inclini ai giudizi e amorevoli, che ho incontrato. Mi hanno fatta sentire coraggiosa. Mi sembrava di essere armata di una nuova comprensione della Scrittura. Avevo il sostegno di altre mamme come me, che avevano passato la stessa cosa che stavo attraversando.

 

Fonte: kimberly shappley

Così, quando Kai ha compiuto 4 anni, finalmente ho permesso che iniziasse la sua transizione. C’erano ancora paura e confusione. Stavo sfidando le aspettative sociali e culturali della nostra comunità, della famiglia e degli amici. Ma sapevo che dovevo scegliere di accettare mia figlia esattamente come Dio l’aveva creata – e c’era anche una bella libertà in questo. Poche settimane dopo che ho smesso di punire Kai perché si comportava da bambina, ha indossato un vestito da mago che aveva ricevuto come regalo di compleanno, facendolo diventare il suo ‘primo vestito’. Ha rubato la mia fascia per fare una cintura e si è tirata i capelli in avanti quanto poteva.

Fonte: kimberly shappley

Quando riguardo le foto di quel giorno, ho delle emozioni miste: il rammarico per averla fatta soffrire così a lungo. L’orgoglio per la sua tenacia. Il rispetto per un bambino così giovane che mi ha insegnato l’amore incondizionato. E poi rido, come, come non posso dire che questo bambino è una bambina? Mentre la mia più grande lotta personale è stata la scelta di lasciare Kai, ora 6 anni, fare la sua transizione, il mio più grande processo come donna di fede è stata la persecuzione che ho ricevuto da altri cristiani. I membri della famiglia, gli amici e i membri della chiesa hanno giudicato la nostra famiglia e ci hanno massacrati, fino al punto che abbiamo considerato l’ipotesi di trasferirci. Sono così delusa dell’odio che chiamano ‘Ama il peccatore, odia il peccato’. Non puoi avere acqua dolce e acqua salata dalla stessa sorgente. Ma nonostante l’ignoranza e le parole dannose degli altri, scelgo di armarmi con la conoscenza. Mio figlio è ad altissimo rischio di suicidio o di essere ucciso in un crimine di odio.
Ho portato nella mia famiglia uomini e donne transessuali che sono leader nella comunità. Incoraggiano Kai a essere orgoglioso di chi è e da dove proviene. Stiamo costruendo una comunità più forte insieme. Quando a Kai è stato finalmente permesso di essere il suo vero sé, è sbocciato. Ho messo le mutandine da principessa nel suo cassetto e lei si è buttata a terra, abbracciando quelle mutandine e singhiozzando, dicendo: ‘Grazie, mamma, grazie’. A distanza di poche settimane dall’inizio della sua transizione, lei non mentiva più, non bagnava più il letto, non aveva più incubi. Adesso ho una felice, sana, dolce, amorevole, bella e dolce bambina che ama Gesù e ama i suoi fratelli.

Sì, la sfida emotiva è stata grande, ma preferisco affrontare quella sfida che lasciare la mia bambina ad affrontarla da sola, come tanti bambini transessuali hanno fatto o dovranno fare perché i loro genitori non li accettano. Non ho mai avuto un momento di dubbio o di rammarico dopo aver accettato la transizione di Kai. Ho imparato molto sull’identità e la fede nell’amare la mia bella figlia, esattamente com’è. È una bambina alta, felice e allegra, che si aspetta che tutti saranno gentili e buoni. È il suo spirito persistente che le ha permesso di fare la sua transizione così presto. Lei sa chi è e non ha alcun problema, e si assicura che tutti lo sappiano.