diredonna network
logo
Stai leggendo: Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

Cacciata dalla piscina per il costume che indossa, il fidanzato si sfoga su Facebook

"Cosa mi ha insegnato il suicidio di mia mamma"

Da Chiara Ferragni a Mila Kunis: brutta bestia l'invidia dei frustrati

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Giurarsi amore eterno con gli anelli con le impronte digitali

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Arriva la notte di San Giovanni: 6 riti per trovare l'amore e scoprire chi sposerai

Il rimedio giusto all'allergia da fieno? È... il gin tonic! Lo dice la scienza

Meryl Streep: "Ho giurato che non avrei chiesto mai soldi a un uomo"

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

Sfidiamo chiunque a non aver mai utilizzato questo phon pubblico per asciugarsi le mani. Ecco: sarebbe stato meglio non farlo, è veramente disgustoso! Non dovremmo neanche più avvicinarci. Guarda cosa abbiamo scoperto.
phon pubblico
Fonte: youtube.com

Stiamo sempre molto attente, specialmente quando siamo fuori casa, a tenere le mani pulite. Ci può capitare di trovarci in un locale e di andare nei bagni pubblici a lavare le mani, magari prima di mangiare qualcosa. Questo è il momento in cui ci imbattiamo in questo oggetto: il phon pubblico. Abbiamo sempre pensato che schiacciare il pulsante con il gomito per farlo funzionare ci avrebbe salvato da ogni tipo di contaminazione (ovviamente quello che parte in automatico senza il pulsante era considerato il top dell’igiene), beh ci sbagliavamo.

I ricercatori dell’Università di Leeds, per un nuovo studio per il Journal of Hospital Infection, attraverso un esperimento hanno trovato delle prove che meritano la nostra attenzione. Gli studiosi hanno selezionato dei volontari, gli hanno fatto insaponare le mani con una vernice colorata molto scura per fargli poi asciugare le mani nei vari modi: salviettine di carta, phon ad aria calda o phon a getto. L’idea di mettere della vernice sulle mani è perché questa è stata considerata il modo più semplice per vedere quale di questi metodi è il migliore per evitare la diffusione di germi.

Questo è quello che è successo quando uno dei volontari ha asciugato le sue mani sotto un phon pubblico di aria calda:

phon pubblico
Fonte: web

Ultimamente la scienza è a favore del dibattito contro l’uso delle salviettine di carta per asciugare le mani. Se questo esperimento ci ha fatto riflettere il prossimo ci ha certamente schierato a difesa dell’uso delle salviettine di carta per asciugare le mani al posto dell’asciugamani elettrico, il classico phon pubblico che troviamo nei bagni.

Come secondo esperimento i ricercatori hanno ricoperto le mani dei volontari di un batterio innocuo per l’uomo e gli hanno fatto poi asciugare nuovamente le mani coi diversi modi di asciugatura. Questo è stato fatto per testare poi la zona nelle vicinanze e rilevare la percentuale di batteri presenti nell’aria. Il risultato finale è incredibile: il phon a getto ha rilasciato 4,5 volte più batteri nell’aria nelle vicinanze dell’asciugatore rispetto a quello ad aria calda e ben 27 volte più batteri rispetto alle salviettine di carta.

Sappiamo già che lasciare le mani umide aumenta la diffusione di germi e batteri e non tutti asciugano perfettamente le mani con il phon pubblico, questo è un altro punto a favore della carta. Ovviamente ognuno sceglie di asciugarsi le mani come meglio crede… ma una cosa è certa: noi da oggi in poi usiamo solo le salviettine di carta!