diredonna network
logo
Stai leggendo: Parlar male del capo sui social network si può

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Rivoluzione IKEA: dite addio alle viti e alla mitica brugola. I mobili si montano così

Oroscopo dal 9 al 15 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Vorresti sposare mio marito?": la toccante lettera di Amy, prima di morire di cancro

Parlar male del capo sui social network si può

Cosa si rischia a parlar male del proprio capo su facebook?In tutto il mondo, questo caso sta facendo discutere molto.
parlar-male-capo-facebook

è successo qualche giorno fa: una 27enne di Livorno è stata licenziata dal centro estetico dove lavorava come impiegata perchè aveva offeso, tramite la sua pagina personale di Facebook, il suo ex titolare. La sentenza citava: “I social network sono così diffusi da “essere paragonabili ad un giornale” e pertanto sottoposti alla legge che regolamenta il reato della diffamazione”. Una sentenza che ha fatto discutere parecchio, anzi, scrivere ingiurie sui social network rappresenta “un delitto di diffamazione aggravato dall’aver arrecato offesa con un mezzo di pubblicità”, e quindi un atto decisamente grave.

I blogger e i comuni utenti, sottoposti alla legge sulla diffamazione al pari di giornalisti, non giovano però delle tutele e delle protezioni di cui godono i professionisti. Una bella contraddizione. Ecco quindi che si diffonde la notizie che i lavoratori hanno tutto il diritto di esprimersi tramite le loro pagine private dei social network. Se le società cercano di vietare l’utilizzo di Faceook e Twitter, mettendo anche a punto in diversi casi dei veri e propri codici di condotta, le autorità federali reputano illegali certe restrizioni. La National Labor Relations Board ha anche chiesto che alcuni lavoratori che avevano perso il posto di lavoro a causa dei loro sfoghi online fossero immediatamente riassunti dalle aziende.

La via più semplice? Dividere il lavoro dalla vita privata e non condividere l’amicizia sui social con i propri datori di lavoro. Parlar male del capo si può, evitando, giustamente, di farglielo sapere.