diredonna network
logo
Stai leggendo: Stop ai test sugli animali: da marzo il divieto definitivo

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Stop ai test sugli animali: da marzo il divieto definitivo

Finalmente il veto, in programma dal 2009, contro i test sugli animali per le industrie cosmetiche sarà attivo definitivamente da marzo di quest'anno.
stop-test-cosmetici

Finalmente uno stop definitivo che arriva dall’Unione europea: dall’11 marzo sarà infatti vietato vendere e importare prodotti di bellezza testati sugli animali. Dall’11 luglio saranno inoltre obbligatorie delle etichette che possano garantire la sicurezza dei consumatori e saranno fissate delle regole contro gli spot pubblicitari ingannevoli.

Una legge che dal 2009 è stata rinviata più volte, ma che ora è definitiva.  “Si tratta dei test di tossicità a uso ripetuto che si effettuano nei casi di nuovi ingredienti la cui sicurezza nel lungo termine non è ancora nota. La deroga era stata decisa perché non erano stati individuati metodi alternativi all’uso di animali dal Centro europeo per la convalida di metodi alternativi, Ecvam” spiega Stefano Dorato, il direttore relazioni scientifiche e normative Unipro. Anche i nanomateriali dovranno essere indicati nella lista degli ingredienti. 

Un veto atteso da molto tempo dalle associazioni di animalisti di tutto il mondo, ma ignorato da moltissime industrie produttrici.