diredonna network
logo
Stai leggendo: Stop ai test sugli animali: da marzo il divieto definitivo

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Stop ai test sugli animali: da marzo il divieto definitivo

Finalmente il veto, in programma dal 2009, contro i test sugli animali per le industrie cosmetiche sarà attivo definitivamente da marzo di quest'anno.
stop-test-cosmetici

Finalmente uno stop definitivo che arriva dall’Unione europea: dall’11 marzo sarà infatti vietato vendere e importare prodotti di bellezza testati sugli animali. Dall’11 luglio saranno inoltre obbligatorie delle etichette che possano garantire la sicurezza dei consumatori e saranno fissate delle regole contro gli spot pubblicitari ingannevoli.

Una legge che dal 2009 è stata rinviata più volte, ma che ora è definitiva.  “Si tratta dei test di tossicità a uso ripetuto che si effettuano nei casi di nuovi ingredienti la cui sicurezza nel lungo termine non è ancora nota. La deroga era stata decisa perché non erano stati individuati metodi alternativi all’uso di animali dal Centro europeo per la convalida di metodi alternativi, Ecvam” spiega Stefano Dorato, il direttore relazioni scientifiche e normative Unipro. Anche i nanomateriali dovranno essere indicati nella lista degli ingredienti. 

Un veto atteso da molto tempo dalle associazioni di animalisti di tutto il mondo, ma ignorato da moltissime industrie produttrici.