diredonna network
logo
Stai leggendo: Mara Venier confessione shock: “un mio ex voleva uccidermi!”

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Mara Venier confessione shock: "un mio ex voleva uccidermi!"

Mara Venier si sfoga su "Chi" e ammette di essere stata vittima di violenza da parte di un uomo, che non è mai riuscita a denunciare.
mara-venier-ex-uccidermi

Mara Venier si confessa tra le pagine di Chi, raccontando uno dei capitoli più dolorosi della sua vita. Pare infatti che da ragazza un suo ex la picchiò e tentò di ucciderla, solo perchè lei l’aveva lasciato. Ha avuto paura e riconosce se stessa nella storia di tante altre donne. 

“Denunciateli, io non l’ho fatto, purtroppo!”

Fortunatamente dopo quella storia, la Venier ha avuto al suo fianco solo partner straordinari, degni di essere chiamati uomini. Era solo una ragazzina all’epoca, poco più che ventenne. Non l’ha mai denunciato, forse per paura: era convinta che una volta libero, sarebbe tornato da lei per ammazzarla. Non esistevano ancora leggi sullo stalking. Un giorno fu sorpreso sul pianerottolo di casa sua ma anche con un’evidente motivazione, all’epoca Mara lo scagionò. “Quando hai subito delle violenze ti scatta anche quello nella testa.”

E lancia l’appello. “Non fate il mio stesso errore, non abbiate paura e denunciate questi mostri! Ora delle leggi vere che tutelano le donne esistono!”