diredonna network
logo
Stai leggendo: Ruzzle e le parole italiane che non conosci

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Ruzzle e le parole italiane che non conosci

Ruzzle e le sue strane parole. Eppure esistono tutte. Parola di Zanichelli.
ruzzle

Ruzzle è senza dubbio l’applicazione del momento. Anche chi ha cercato fino all’ultimo di resistergli, ha ceduto.

Le polemiche nascono nel momento in cui, dopo ore spese a giocare con la nuova invenzione di Satana, se casualmente sfiori il touch screen in modo scorretto, scopri parole di cui, fino a ieri, ignoravi completamente l’esistenza. Nessun errore però. Le parole esistono e Zingarelli ne è testimone. Il co fondatore di Mag Interactive, Daniel Hasselberg, e il responsabile delle redazioni lessicografiche di Zanichelli, Enrico Lanfranchi, hanno iniziato a collaborare al progetto ancora un anno fa, quando il gioco non era famoso. Zingarelli ha infatti messo a disposizione della società svedese il suo data base per sviluppare al meglio il gioco.

Le parole rielaborate e inserite su Ruzzle risultano 86mila, a cui vanno aggiunte tutte le forme declinate, flesse, diminutivi e accrescitivi. Il passaggio successivo è stato assorbire il database italiano attraverso un algoritmo che ha eliminato tutti gli accenti.  Il gioco non accetta però nomi di persona e di città.

Sono i giocatori quindi a non conoscere la propria lingua madre?!? Mi pare un’esagerazione. 

(Qualche suggerimento?! Arri è una voce d’incitamento degli animali da soma, var un’unità di misura, irco è il becco o il maschio della capra, itto è la pulsazione di alcune arterie… )