diredonna network
logo
Stai leggendo: Ruzzle e le parole italiane che non conosci

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Figli che uccidono i genitori: 7 casi shock

Oroscopo dal 9 al 15 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Perdonatemi, mamma e papà, se potete": la lettera di Michele, 30 anni, suicida per colpa del precariato

Ruzzle e le parole italiane che non conosci

Ruzzle e le sue strane parole. Eppure esistono tutte. Parola di Zanichelli.
ruzzle

Ruzzle è senza dubbio l’applicazione del momento. Anche chi ha cercato fino all’ultimo di resistergli, ha ceduto.

Le polemiche nascono nel momento in cui, dopo ore spese a giocare con la nuova invenzione di Satana, se casualmente sfiori il touch screen in modo scorretto, scopri parole di cui, fino a ieri, ignoravi completamente l’esistenza. Nessun errore però. Le parole esistono e Zingarelli ne è testimone. Il co fondatore di Mag Interactive, Daniel Hasselberg, e il responsabile delle redazioni lessicografiche di Zanichelli, Enrico Lanfranchi, hanno iniziato a collaborare al progetto ancora un anno fa, quando il gioco non era famoso. Zingarelli ha infatti messo a disposizione della società svedese il suo data base per sviluppare al meglio il gioco.

Le parole rielaborate e inserite su Ruzzle risultano 86mila, a cui vanno aggiunte tutte le forme declinate, flesse, diminutivi e accrescitivi. Il passaggio successivo è stato assorbire il database italiano attraverso un algoritmo che ha eliminato tutti gli accenti.  Il gioco non accetta però nomi di persona e di città.

Sono i giocatori quindi a non conoscere la propria lingua madre?!? Mi pare un’esagerazione. 

(Qualche suggerimento?! Arri è una voce d’incitamento degli animali da soma, var un’unità di misura, irco è il becco o il maschio della capra, itto è la pulsazione di alcune arterie… )