diredonna network
logo
Stai leggendo: Ruzzle e le parole italiane che non conosci

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Ruzzle e le parole italiane che non conosci

Ruzzle e le sue strane parole. Eppure esistono tutte. Parola di Zanichelli.
ruzzle

Ruzzle è senza dubbio l’applicazione del momento. Anche chi ha cercato fino all’ultimo di resistergli, ha ceduto.

Le polemiche nascono nel momento in cui, dopo ore spese a giocare con la nuova invenzione di Satana, se casualmente sfiori il touch screen in modo scorretto, scopri parole di cui, fino a ieri, ignoravi completamente l’esistenza. Nessun errore però. Le parole esistono e Zingarelli ne è testimone. Il co fondatore di Mag Interactive, Daniel Hasselberg, e il responsabile delle redazioni lessicografiche di Zanichelli, Enrico Lanfranchi, hanno iniziato a collaborare al progetto ancora un anno fa, quando il gioco non era famoso. Zingarelli ha infatti messo a disposizione della società svedese il suo data base per sviluppare al meglio il gioco.

Le parole rielaborate e inserite su Ruzzle risultano 86mila, a cui vanno aggiunte tutte le forme declinate, flesse, diminutivi e accrescitivi. Il passaggio successivo è stato assorbire il database italiano attraverso un algoritmo che ha eliminato tutti gli accenti.  Il gioco non accetta però nomi di persona e di città.

Sono i giocatori quindi a non conoscere la propria lingua madre?!? Mi pare un’esagerazione. 

(Qualche suggerimento?! Arri è una voce d’incitamento degli animali da soma, var un’unità di misura, irco è il becco o il maschio della capra, itto è la pulsazione di alcune arterie… )