diredonna network
logo
Stai leggendo: Un Paese per le Donne: le parole per dirlo – campagna video partecipata

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Un Paese per le Donne: le parole per dirlo - campagna video partecipata

Quando dalle parole, si cerca di passare ai fatti. Se non ora quando? Un paese per le donne.
donne

Quando dalle parole, si cerca di passare ai fatti. In questo caso, ai video: Se Non Ora Quando, il comitato a difesa  dei diritti delle donne, propone un’interessante iniziativa per migliorare la condizione femminile in Italia: si sa che il nostro paese NON è un paese per donne, quindi propone a tutte, tramite un video, di dar voce ai propri desideri, ai propri bisogni e alle proprie frustrazioni.

Ed è così che intende lanciare un messaggio alla politica in vista delle elezioni: offrendo la possibilità a tutte le donne di poter parlare, per poter divincolarsi da quella condizione di generale inferiorità che ci affligge, per poter esprimere quello che tutte vorremmo da un’Italia che da troppo tempo ci impedisce di crescere. E se crescono le donne, il paese migliora.

Sono troppe le statistiche e i dati che indicano un paese dove la donna non partecipa al mercato del lavoro e se lo fa, viene pagata meno, viene relegata a mansioni alla base della gerarchia, a volte è vittima di molestie e in un contesto dove se vuole far valere le proprie capacità, deve lavorare il doppio in confronto ai colleghi maschi. Per non parlare dei casi ormai all’ordine del giorno del femminicidi. Ma ormai questo lo sappiamo. Quello che vogliamo far sapere è quanto valgono le donne, quanto sia grande la discriminazione,quanto rischiamo propriamente la vita a volte. Parlate quindi. Fate sapere a questa Italia chi siamo e cosa vogliamo. Spargete la voce!

Come fare per partecipare? Basta collegarsi al sito del comitato a questo link e seguire tutte le istruzioni.  Le interviste verranno diffuse sul web.

Se non ora, quando?