diredonna network
logo
Stai leggendo: Che fine ha fatto Carla Bruni?

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Che fine ha fatto Carla Bruni?

Chi pensava che l'ex première Dame di Francia fosse sparita dalle scene, si sbagliava di grosso.
carla-bruni

La scorsa primavera, ha fatto le valigie, ed ha lasciato l’Eliseo, ma l’affascinante Carlà, si diverte ora più che mia, tra spese pazze, spot, e dichiarazioni esplosive; tutto per essere sempre e comunque, al centro dell’attenzione.

Oggi la sua esistenza, è in effetti più cool che mai, altro che lacrime e noia!

Si concede spese folli ( come un viaggio andata/ritorno con jet privato, la sera stessa a New York, compiuto per il semplice fatto di consumare una cena un pò diversa dal solito – costo totale – 1.100 dollari), compie diverse uscite pubbliche, e sta lavorando ad un nuovo album che uscirà per il 2013, e che conterrà un singolo “farcito d’amore” per il suo Nicolas.

Gli impegni di rito da première dame, sono stati rimpiazzati anche da campagne pubblicitarie, abbondantemente pagate (vedi quella per le cuffie audio Parrot Zik); e le serate in cui, le è stato affidato il compito inedito di battitrice d’asta (in cui si dice, il prezzo della merce sia lievitato oltre il 54% di quello di partenza, grazie alla sua presenza).

Alla lista dei mille impegni non manca certo, la copertina che Vogue le ha dedicato. All’interno del numero della rivista, in questione; una scottante intervista, in cui lei dichiara che alla sua generazione non serve il femminismo.

E brava Carlà…una donna poliedrica!