diredonna network
logo
Stai leggendo: Uomo condannato per aver detto “terrone” alle vicine di casa

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Uomo condannato per aver detto “terrone” alle vicine di casa

Un pensionato di Varese insulta due donne e le apostrofa come “terrone” nel corso di una lite per un parcheggio. Il giudice lo ha condannato per razzismo.
terrone

 

Qualche anno fa un sessantenne pensionato di Besozzo (Varese), durante le classiche liti da vicinato per futili motivi (un posto auto in questo caso), aveva apostrofato le sue vicine di casa, una donna e sua figlia originarie di Salerno, come “terrone” – termine che da molti è considerato un appellativo offensivo. Le donne lo avevavo a quel tempo querelato per le parole e l’epiteto poco carini che erano stati loro rivolti: “terrone di m****”, “siete una categoria di m****”,  “te sei andata alle scuole dei terroni”.

E finalmente arriva la sentenza: l’uomo è stato riconosciuto colpevole di discriminazione razziale, poichè avrebbe usato il termine “terrone” in maniera offensiva, intendendo dire che le vicine in quanto originarie del sud Italia, apparterrebbero ad una razza inferiore. Adesso dovrà pagare una multa di 400 euro e dovrà versare alle due donne ben 2mila euro per risarcimento danni con l’accusa di ingiuria e l’aggravante della discriminazione razziale.

Scusate la poca imparzialità, ma ben gli sta!