diredonna network
logo
Stai leggendo: Uomo condannato per aver detto “terrone” alle vicine di casa

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Uomo condannato per aver detto “terrone” alle vicine di casa

Un pensionato di Varese insulta due donne e le apostrofa come “terrone” nel corso di una lite per un parcheggio. Il giudice lo ha condannato per razzismo.
terrone

 

Qualche anno fa un sessantenne pensionato di Besozzo (Varese), durante le classiche liti da vicinato per futili motivi (un posto auto in questo caso), aveva apostrofato le sue vicine di casa, una donna e sua figlia originarie di Salerno, come “terrone” – termine che da molti è considerato un appellativo offensivo. Le donne lo avevavo a quel tempo querelato per le parole e l’epiteto poco carini che erano stati loro rivolti: “terrone di m****”, “siete una categoria di m****”,  “te sei andata alle scuole dei terroni”.

E finalmente arriva la sentenza: l’uomo è stato riconosciuto colpevole di discriminazione razziale, poichè avrebbe usato il termine “terrone” in maniera offensiva, intendendo dire che le vicine in quanto originarie del sud Italia, apparterrebbero ad una razza inferiore. Adesso dovrà pagare una multa di 400 euro e dovrà versare alle due donne ben 2mila euro per risarcimento danni con l’accusa di ingiuria e l’aggravante della discriminazione razziale.

Scusate la poca imparzialità, ma ben gli sta!