diredonna network
logo
Stai leggendo: Erika De Nardo trova lavoro dopo lo sfogo.

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Erika De Nardo trova lavoro dopo lo sfogo.

Erika De Nardo, l'assassina di Novi Ligure, si lamenta di non avere una vita normale e un lavoro.Pochi giorni dopo le è stata fatta un'offerta. Il prossimo passo sarà verso la politica?
erika-trova-lavoro

Dopo lo sfogo di qualche giorno fa sulle pagine de La Stampa, in cui Erika De Nardo si lamentava di non avere una vita normale e nemmeno un lavoro, ecco l’amara svolta.

Ieri le è arrivata un’offerta di lavoro da parte del signor Flavio Di Vittorio, imprenditore edile, che vorrebbe Erika come sua segretaria per sostituire una maternità. Le critiche non hanno tardato ad arrivare, accusato di preferire un’assassina, una persona che ha ucciso madre e fratello con quasi 100 coltellate, a qualche bravo ragazzo, magari pluri laureato e in cerca di un’occupazione. Lui si difende: «Non voglio farmi pubblicità, non è nel mio interesse. Ho due figlie anch’io, una di 27 anni e l’altra di 21 e se avessero commesso lo stesso errore fatto da Erika, ringrazierei infinitamente chi decidesse di dare loro una seconda possibilità».

Da carnefice a vittima, in poche parole.

Un’Italia mai meritocratica, in poche parole.

L’aspettiamo in parlamento.