diredonna network
logo
Stai leggendo: Cyberbullismo: #letroiedellamiascuola impazza su twitter

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Cyberbullismo: #letroiedellamiascuola impazza su twitter

Nonostante il suicidio della 14enne Carolina, il cyberbullismo si fa sempre più forte. Con l'hashtag #letroiedellamiascuola vengono prese di mira ogni giorno le ragazzine più popolari.
Close up of a woman using laptop computer with web cam

Nonostante il suicidio di Carolina, a soli 14anni, che veniva derisa attraverso commenti e post su internet, il cyberbullismo sembra non conoscere la parola fine. Su twitter ora, tra i trending topics, si può trovare l’hashtag #letroiedellamiascuola.

Ad utilizzare quotidianamente questo hashtag ci sono sia ragazzi che ragazze, che raccontano i comportamenti di moltissime adolescenti. Comportamenti vanitosi, ma comuni, che sono giustificabili con l’immaturità dell’età. Ma tra coetanei non ci si capisce, ci si aggredisce.

Qualche esempio?

  • #letroiedellamiascuola non hanno capito che la didascalia nelle foto non serve per citare frasi poetiche per giustificare le tette di fuori.
  • #letroiedellamiascuola Ginnastica con i pantaloncini attillati a raso fica anche se è dicembre.
  • #letroiedellamiascuola c’è più terra nel loro viso che nell’orto del mi nonno.

 

 

Quello che spaventa di più: #letroiedellamiascuola parlano male di TUTTI. un giorno di questi le uccido,una ad una.

Nessun attacco personale, ma sicuramente la maggioranza delle ragazzine prese di mira per il troppo trucco o i leggings, si riconosceranno nelle varie descrizioni. Sparare a zero su un’intera categoria, quella che è sempre esistita, quella delle ragazze “popolari”. Una volta lo si scriveva sui muri dei bagni, oggi su twitter. I fautori di tutto sono spesso le persone più anonime e non a caso, su twitter, la foto profilo di chi sforna un tweet al minuto con l’hashtag in questione non mostra il loro volto, ma quello dei beniamini. Internet come scudo.

Non mi stupirebbe se i maschi fossero poi i primi a mettere “mi piace” alle foto de #letroiedellamiascuola , e le femmine invidiose, sorridessero ogni mattina, passando loro pure i compiti di latino.