diredonna network
logo
Stai leggendo: E’ stato riconosciuto “l’uomo senza memoria” della Stazione Centrale di Milano

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

E' stato riconosciuto "l'uomo senza memoria" della Stazione Centrale di Milano

La vicenda di quello che è stato definito "lo smemorato" della Stazione Centrale di Milano, pare essersi conclusa con un lieto fine...
smemorato-stazione

 

Pare essersi conclusa con un lieto fine la brutta avventura dell’uomo che aveva perso la memoria a Nova Milanese.

La notizia è stata data dal TGR Lombardia alle 14.oo dell’altro giorno. Grazie ad un appello del TGR in cui l’uomo chiedeva aiuto: “Aiutatemi a recuperare la mia identità” 

è stato riconosciuto e pare abbia ritrovato la famiglia. La notizia impazzava sul web da diversi giorni. Lo chiamavano  “lo smemorato”.  E’ stato trovato il 27 dicembre 2012 mentre dormiva per strada a Nova Milanese. Tuttora non ricorda nulla del proprio passato. Dopo essere stato ritrovato è stato portato in ospedale per controlli clinici, poi al Centro di Accoglienza della Stazione Centrale di Milano, dove è stato ribattezzato Raffaello. Proprio al Centro di Accoglienza, dopo l’appello al TGR sono arrivate diverse telefonate di persone che lo avrebbero riconosciuto.

Per più di 20 giorni Raffaello ha vissuto come in un limbo, senza passato e senza un’idea di come sarebbe potuto essere il suo futuro. Non sappiamo quale sia la causa della sua amnesia, speriamo per lui che non sia troppo doloroso ritrovare la memoria. La nostra mente per sopravvivere ad un evento traumatico, doloroso, una realtà impossibile da accettare e metabolizzare può “decidere” di dimenticare… Speriamo per lui che il “risveglio” possa esseregli lieve e che non debba rimpiangere i giorni in cui, forse, avrebbe potuto cambiare il corso della propria esistenza.