diredonna network
logo
Stai leggendo: E’ stato riconosciuto “l’uomo senza memoria” della Stazione Centrale di Milano

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

E' stato riconosciuto "l'uomo senza memoria" della Stazione Centrale di Milano

La vicenda di quello che è stato definito "lo smemorato" della Stazione Centrale di Milano, pare essersi conclusa con un lieto fine...
smemorato-stazione

 

Pare essersi conclusa con un lieto fine la brutta avventura dell’uomo che aveva perso la memoria a Nova Milanese.

La notizia è stata data dal TGR Lombardia alle 14.oo dell’altro giorno. Grazie ad un appello del TGR in cui l’uomo chiedeva aiuto: “Aiutatemi a recuperare la mia identità” 

è stato riconosciuto e pare abbia ritrovato la famiglia. La notizia impazzava sul web da diversi giorni. Lo chiamavano  “lo smemorato”.  E’ stato trovato il 27 dicembre 2012 mentre dormiva per strada a Nova Milanese. Tuttora non ricorda nulla del proprio passato. Dopo essere stato ritrovato è stato portato in ospedale per controlli clinici, poi al Centro di Accoglienza della Stazione Centrale di Milano, dove è stato ribattezzato Raffaello. Proprio al Centro di Accoglienza, dopo l’appello al TGR sono arrivate diverse telefonate di persone che lo avrebbero riconosciuto.

Per più di 20 giorni Raffaello ha vissuto come in un limbo, senza passato e senza un’idea di come sarebbe potuto essere il suo futuro. Non sappiamo quale sia la causa della sua amnesia, speriamo per lui che non sia troppo doloroso ritrovare la memoria. La nostra mente per sopravvivere ad un evento traumatico, doloroso, una realtà impossibile da accettare e metabolizzare può “decidere” di dimenticare… Speriamo per lui che il “risveglio” possa esseregli lieve e che non debba rimpiangere i giorni in cui, forse, avrebbe potuto cambiare il corso della propria esistenza.