diredonna network
logo
Stai leggendo: Brit Awards. Tra le nomination anche Amy Winehouse

L'ultima notte di Amy Winehouse, sola con i suoi demoni... tranne Blake

"Duri da battere": Renga, Nek e Max Pezzali partono insieme in tour per l'Italia

X Factor: Manuel Agnelli annuncia le novità e Rovazzi "sostituisce" Fedez

Sabrina Vita da Strega, pronte per il reboot?

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Oroscopo dal 21 al 27 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

Brit Awards. Tra le nomination anche Amy Winehouse

E' stata diffusa la lista con le nomination alla prossima edizione dei Brit Awards, i premi musicali che ogni anno nel Regno Unito vengono conferiti a cura della British Phonographic Industry. E, un po' a sorpresa, c'è anche Amy Winehouse per quella che pare sia la prima menzione postuma nella storia dei Brits.
amy-winehouse

I Brit Awards (spesso abbreviato in Brits) sono dei premi musicali che ogni anno nel Regno Unito vengono conferiti ad artisti di musica popolare dalla British Phonographic Industry. La prima edizione fu nel 1977.

Le massicce sponsorizzazioni e il coinvolgimento dell’industria musicale determinano l’assegnazione dei premi senza un processo molto democratico e, molti sospettano, per motivi fortemente commerciali. Questi sono premi assegnati dall’industria musicale all’industria musicale. Robbie Williams lo precisò accettando un premio alcuni anni fa. Più recentemente, i premi hanno maggiormente seguito i gusti del pubblico che acquista musica, con gli artisti che devono dimostrare di essere popolari e di raggiungere le vette delle classifiche prima di poter essere premiati.

amy whinehouse due

La grande cantante scomparsa a soli 27 anni, il 23 luglio 2011, era considerata una delle esponenti della nuova generazione del soul bianco, della quale è ritenuta la precorritrice. Attualmente le indagini sulla sua morte sono ancora in corso, anche se pare confermata l’ipotesi di intossicazione da alcool.

Amy Whinehouse può concorrere in forza alla pubblicazione dell’album “Lioness: hidden treasures”. La sfortunata artista, che precedentemente aveva concorso nel 2007, nella categoria “Best British female” troverà come “concorrenti” Emeli Sandé, Paloma Faith, Natasha Khan e Jessie Ware. I festeggiatissimi del 2012, i Rolling Stones, arrivati al cinquantesimo anniversario, traguardo ragguardevole, che si mettono in tasca una nomination nel campo “Best live act”. Precedentemente la veterana band, curiosamente, era stata in corsa una sola volta nella storia dei Brit Awards.

Conducono, con tre nomination a testa, Sandé, Mumford & Sons e Alt-J. Tra gli otto solisti e gruppi a quota 2 sono da annoverare Muse, Plan B, Rita Ora, Coldplay ed Olly Murs. La lotta più appassionante sarà per quello che viene generalmente ritenuto il titolo più ambìto, e cioé “Best album”; saranno in lizza “Our version of events” di Emeli Sandé, “Babel” dei Mumford & Sons, “An awesome wave” degli Alt-J, “Ill manors” di Plan B e “Fall to grace” di Paloma Faith. Le nomination, dalle quali ovviamente non poteva mancare il nome di Adele, con una nomination per “Best single” per “Skyfall”, sono state annunciate presso l’albergo Savoy di Londra.