diredonna network
logo
Stai leggendo: Feto morto abbandonato in una corsia dell’ospedale

Paola Turci: "Mai più con un uomo". Niente figli? "Oggi ringrazio il cielo"

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Feto morto abbandonato in una corsia dell'ospedale

Malasanità: feto morto abbandonato per ore in una corsia dell'ospedale.Lo sgomento dei genitori e le scuse del direttore.
feto-abbandonato-corsia

Un feto è nato morto ieri pomeriggio ed è stato dimenticato per ore su una barella di un corridoio dell’ospedale di Ravenna. Immediatamente aperte le indagini per capire il motivo per il quale il feto non sia stato trasferito immediatamente in obitorio.

Secondo le prime ricostruzioni, le ostetriche si sono accertate del decesso del feto e hanno iniziato tutte le pratiche del caso. Nella stanza era presente un altro cadavere che, non se ne conoscono i motivi, ha avuto la precedenza sul feto che è stato poi dimenticato. All’inizio si era ipotizzato che il feto fosse stato abbandonato da ignoti, poi sono emersi i fatti.

Il direttore dell’ospedale, Andrea Neri, si scusa con i genitori, già molto provati. “Voglio precisare però che il corpicino non è mai rimasto in un’area incustodita, anche se si trovava dove non sarebbe dovuto essere” continua. Per far chiarezza sono state sentite diverse persone. Per ora si sa che a spostare il piccolo feto fuori dalla stanza è stato l’addetto all’obitorio a cui però non era stato comunicato sul come muoversi rispetto a quella salma.