diredonna network
logo
Stai leggendo: Stupra ragazza incinta: scarcerato ora è agli arresti domiciliari

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Saldi estivi 2017: quando iniziano Regione per Regione e i must have della stagione!

Spose bambine: perché migliaia di minorenni si sposano ogni anno negli USA

Stupra ragazza incinta: scarcerato ora è agli arresti domiciliari

Stupra una giovane incinta e viene subito rilasciato, agli arresti domiciliari.Una decisione che fa infuriare l'opinione pubblica e le donne di tutt'Italia.

A Bergamo sale la rabbia per gli arresti domiciliari concessi al presunto stupratore di una 24enne incinta: nella serata di ieri una cinquantina di persone ha protestato sotto casa del kosovaro arrestato nel pomeriggio e subito trasferito ai domiciliari. Il clima era particolarmente teso e sono dovuti intervenire i carabinieri. “Abbiamo applicato le norme del Codice di procedura penale” spiega il procuratore, Francesco Dettori

il procuratore di Bergamo ha aggiunto che le linee del Codice di procedura penale “non facoltizzano ma impongono certe linee di comportamento. Sono linee di operatività imprescindibili. Bisogna capire che il pm non è un accusatore puro e semplice, ma è anche il tutore della legalità. Il Codice va utilizzato come si deve, non possiamo essere asserviti alle reazioni più o meno razionali dell’opinione pubblica. Nemmeno noi magistrati possiamo essere al di sopra della legge”.

stupro-bergamo

Lo stupro è avvenuto in un parcheggio di via Alberico da Rosciate, nel quartiere Borgo Santa Caterina, in pieno centro  Bergamo. Un 32enne, di origini kosovare, è stato prima arrestato, poi scarcerato e ora è agli arresti domiciliari.

La giovane 24enne, vittima della violenza, durante le visite in ospedale, aveva scoperto di essere incinta da alcune settimane. L’aggressore aveva proposto un passaggio alla ragazze e dopo il rifiuto, l’aveva spinta contro il cofano di un auto e violentata sessualmente. Soccorsa dal 118, la ragazza aveva scoperto di aspettare da alcune settimane un bambino. “Fortunatamente” la violenza non pare aver avuto delle conseguenze sulla gravidanza, ma è il rilascio immediato dell’aggressore (marito e padre di famiglia) ad aver fatto infuriare, ancora di più, l’opinione pubblica.

”La misura degli arresti domiciliari presso il luogo di residenza richiesta dal pm appare adeguata a salvaguardare le esigenze special-preventive, limitando apprezzabilmente la libertà  di movimento del prevenuto” è la giustificazione del PM Dettori.

Imbarazzante. La presa di posizione in questione non ha nessuna scusante.

[emailpetition id=”4″]