diredonna network
logo
Stai leggendo: Shop the Look: con Google potrete cercare gli outifit preferiti e comprarli all’istante

Selfie con il morto: "With me", l'app che ti permette di essere accanto a chi non c'è più

Nokia 3310, ecco il nuovo modello del cellulare della nostra adolescenza e sì, c'è anche Snake

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Shop the Look: con Google potrete cercare gli outifit preferiti e comprarli all'istante

Ormai con uno smartphone in mano si è davvero padroni del mondo. Deve averlo capito anche Google, che ha lanciato una feature con cui sarà possibile non solo visionare gli outfit degli influencer che più ci piacciono, ma acquistarli direttamente dai nostri dispositivi mobili. Come? Scopritelo!
Fonte: Web

I social media hanno decisamente rivoluzionato le nostre vite, sotto ogni punto di vista; anche per quanto riguarda lo shopping.

Una volta si dovevano seguire le sfilate dei grandi stilisti, aspettare con ansia le settimane della moda per scoprire le nuove tendenze e comprare tonnellate di riviste di fashion per capire cosa le passerelle avrebbero proposto anche per noi, comuni mortali. Ma oggi tutto è cambiato, e a dettare legge in fatto di stile sono gli influencer e i fashion blogger. I quali, però, rimanendo ben al sicuro nel loro mondo social, pestano i piedi al colosso dei motori di ricerca, nientepopodimeno che Google. Perché? Semplicemente perché i (tantissimi) contenuti veicolati sui social network di qualunque tipo, se cercati, spesso non compaiono su Google, dal momento in cui non sono indicizzati, perciò andiamo a reperirli direttamente alla fonte, ovvero proprio le piattaforme social.

Per questo motivo la multinazionale multimilionaria della Silicon Valley ha pensato bene di correre ai ripari, lanciando una feature per riappropriarsi del ruolo di “re” nella ricerca su Internet.

La feature si chiama “Shop the Look” e, anche se al momento è ancora in una fase di sviluppo e di test sui device mobili negli Stati Uniti, lo staff di Google è assolutamente certo che esitano tutti i presupposti per estenderla prestissimo anche in altri Paesi.

Come funziona “Shop the Look”? Si tratta di uno strumento utile a portare nei risultati di ricerca veri e propri outfit dei fashion blogger più apprezzati; gli utenti potranno inserire, come si fa sempre, la keyword per cercare un outfit specifico: ad esempio, se digitiamo “abito da sera” Google “catturerà” le immagini postate dai principali influencer sulle proprie pagine social e mostrerà i risultati attinenti. Tutto questo attingendo i contenuti da piattaforme create appositamente per monetizzare e promuovere l’attività dei fashion blogger su media quali Instagram (un modo per farlo è mandare il link per acquistare quel determinato capo ad un utente che ha appena messo un like), come in Italia ad esempio è LiketoKnow.it.

Ma non finisce qui: quando troviamo un outfit di nostro gradimento, cliccandoci sopra Google aprirà una gallery con le immagini di ogni singolo item e relativo link per acquistarlo, sotto forma di Shopping Ads. Insomma, non dovremo più neanche girare all’infinito per negozi alla ricerca di qualche capo di abbigliamento che ci piaccia, potremo fare tutto comodamente dal nostro smartphone!

Fonte: adwords.googleblog.com

Ma quali sono i veri vantaggi di questo nuovo strumento? Sicuramente l’utente avrà a disposizione un’offerta mirata, consigliata da un influencer, quindi è come se avesse un personal consultant perennemente a propria disposizione, qualcuno che fa shopping al posto suo o che perlomeno gli fornisce indicazioni e preziosi suggerimenti. Ma anche i fashion blogger stessi trarranno benefici considerevoli, potendo ampliare il proprio target raggiungendo un pubblico che non sia esclusivamente quello dei social media, e naturalmente traendone un profitto, come avviene anche per retailer e brand.

Voi pensate che Google abbia fatto tutto questo per puro spirito altruistico, per far incontrare potenziali compratori fashion-addicted con chi del fashion ha fatto il proprio mestiere? Ovviamente no, il guadagno c’è anche per il colosso made in USA, ed è tutto nella prospettiva, piuttosto allettante, di riuscire finalmente ad intercettare contenuti fino ad ora disponibili solo sui social per farne un’ottima fonte di profitti.

Alla fine, quindi, tutti sembrerebbero essere contenti. Adesso però ci rimane una domanda: se con il nostro smartphone potremo sempre trovare qualcuno che ci consiglia gli outfit ideali per noi e addirittura acquistarli istantaneamente, cosa sostituirà la bellezza di una sana, salutare e rilassante sessione di shopping con le amiche? E non c’è il rischio che tutto questo, in fondo, aumenti la già non poca dipendenza dallo smartphone per molti di noi?