diredonna network
logo
Stai leggendo: Diciassettene minacciata su twitter per aver vinto il biglietto di un concerto. “Ora ho paura a camminare per strada!”

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Diciassettene minacciata su twitter per aver vinto il biglietto di un concerto. "Ora ho paura a camminare per strada!"

Vince un biglietto per incontrare i suoi beniamini e diventa vittima di cyberbullismo.La storia di Flora e della sua passione per i One Direction.

Cyberbullismo, atto secondo.

Dopo la triste storia della ragazzina di quattordici anni che pochi giorni fa si è tolta la vita a Novara per colpa di twitter, ora è il turno di Flora. Diciassette anni e una passione per i One Direction. Baciata dalla fortuna, vince un biglietto gratis per un concerto dei suoi beniamini e vola a New York per conoscerli. Da quando il suo nome è stato annunciato in diretta radio, su Twitter hanno iniziato a coprirla di insulti, e da 200 followers, in pochi giorni, è passata a 12.500.

“Devi morire”

“Fai un aerosol con il gas”

“Lavati con la benzina e asciugati con l’accendino” sono solo alcuni (e probabilmente i meno forti) tweet contro la ragazza.

Ha paura adesso Flora. Ha paura ad andare ai concerti ed è spaventata dalle minacce. La insultano in migliaia ma nonostante sappia che si tratta solo di ragazzine invidiose e arrabbiate ha paura. “Hanno detto che mio padre era ricchissimo, che era padrone della Kinder, che la lotteria era truccata, che avevo avuto una raccomandazione. Non è vero niente. Qualcuno mi ha scritto che siccome non ho pianto e non gli sono saltata addosso quando li ho incontrati a New York non ero una vera fan, che non meritavo quel premio.”

Il suo nome ora è un trend topic. Ma la guerra non si esaurisce in rete. Per strada molte ragazzine la riconoscono. Da dove nasce tutta questa rabbia nell’età, che ai miei tempi, era quella delle Lelly Kelly?

aggiornamenti