diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme UE: in Italia, rischi concreti di povertà diffusa.

Stuprata a 16 anni su ordine del "tribunale" del villaggio per punire il fratello

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Allarme UE: in Italia, rischi concreti di povertà diffusa.

E' delle ultime ore, la pubblicazione di un rapporto UE, secondo cui, la crisi in paesi come la Grecia, Spagna, Paesi Baltici e purtroppo l'Italia, la situazione economico-sociale è in grave peggioramento.

 

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno, un rapporto da poche ore depositato dal  commissario Ue agli affari sociali Lazslo Andor, mostra che in alcuni paesi dell’Europa (già precedentemente fanalini di coda), la situazione economico-sociale, è in fase di peggioramento evidente.

Le speranze occupazionali, e di sviluppo della produttività, appaiono cupe nel nostro paese.

A ciò si aggiunge, il fatto che la disoccupazione giovanile, ha raggiunto il massimo storico del 37%, più di un giovane su tre, tra i 15 ed i 24 anni, resta ancora senza occupazione.

La disoccupazione totale, invece, è ferma all’11, 1% quota comunque inquietante. Il timore è che l’Italia possa entrare in una spirale di povertà, con un’impennata nella diseguaglianza sociale, da cui con difficoltà e senza misure concrete di intervento economico-politico, sarebbe possibile uscirne.

L’aspetto desolante delle valutazioni provenienti da Bruxelles, è che, con difficoltà si prevede che il nuovo anno, possa portare un miglioramento nelle condizioni economiche del nostro paese.

Non resta che sperare nelle prossime elezioni!