diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme UE: in Italia, rischi concreti di povertà diffusa.

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Allarme UE: in Italia, rischi concreti di povertà diffusa.

E' delle ultime ore, la pubblicazione di un rapporto UE, secondo cui, la crisi in paesi come la Grecia, Spagna, Paesi Baltici e purtroppo l'Italia, la situazione economico-sociale è in grave peggioramento.

 

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno, un rapporto da poche ore depositato dal  commissario Ue agli affari sociali Lazslo Andor, mostra che in alcuni paesi dell’Europa (già precedentemente fanalini di coda), la situazione economico-sociale, è in fase di peggioramento evidente.

Le speranze occupazionali, e di sviluppo della produttività, appaiono cupe nel nostro paese.

A ciò si aggiunge, il fatto che la disoccupazione giovanile, ha raggiunto il massimo storico del 37%, più di un giovane su tre, tra i 15 ed i 24 anni, resta ancora senza occupazione.

La disoccupazione totale, invece, è ferma all’11, 1% quota comunque inquietante. Il timore è che l’Italia possa entrare in una spirale di povertà, con un’impennata nella diseguaglianza sociale, da cui con difficoltà e senza misure concrete di intervento economico-politico, sarebbe possibile uscirne.

L’aspetto desolante delle valutazioni provenienti da Bruxelles, è che, con difficoltà si prevede che il nuovo anno, possa portare un miglioramento nelle condizioni economiche del nostro paese.

Non resta che sperare nelle prossime elezioni!