diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme UE: in Italia, rischi concreti di povertà diffusa.

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Allarme UE: in Italia, rischi concreti di povertà diffusa.

E' delle ultime ore, la pubblicazione di un rapporto UE, secondo cui, la crisi in paesi come la Grecia, Spagna, Paesi Baltici e purtroppo l'Italia, la situazione economico-sociale è in grave peggioramento.

 

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno, un rapporto da poche ore depositato dal  commissario Ue agli affari sociali Lazslo Andor, mostra che in alcuni paesi dell’Europa (già precedentemente fanalini di coda), la situazione economico-sociale, è in fase di peggioramento evidente.

Le speranze occupazionali, e di sviluppo della produttività, appaiono cupe nel nostro paese.

A ciò si aggiunge, il fatto che la disoccupazione giovanile, ha raggiunto il massimo storico del 37%, più di un giovane su tre, tra i 15 ed i 24 anni, resta ancora senza occupazione.

La disoccupazione totale, invece, è ferma all’11, 1% quota comunque inquietante. Il timore è che l’Italia possa entrare in una spirale di povertà, con un’impennata nella diseguaglianza sociale, da cui con difficoltà e senza misure concrete di intervento economico-politico, sarebbe possibile uscirne.

L’aspetto desolante delle valutazioni provenienti da Bruxelles, è che, con difficoltà si prevede che il nuovo anno, possa portare un miglioramento nelle condizioni economiche del nostro paese.

Non resta che sperare nelle prossime elezioni!