diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme UE: in Italia, rischi concreti di povertà diffusa.

Victoire Dauxerre: "Una top model muore lentamente. Ero una morta che camminava"

Sabrina Vita da Strega, pronte per il reboot?

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Oroscopo dal 21 al 27 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Allarme UE: in Italia, rischi concreti di povertà diffusa.

E' delle ultime ore, la pubblicazione di un rapporto UE, secondo cui, la crisi in paesi come la Grecia, Spagna, Paesi Baltici e purtroppo l'Italia, la situazione economico-sociale è in grave peggioramento.

 

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno, un rapporto da poche ore depositato dal  commissario Ue agli affari sociali Lazslo Andor, mostra che in alcuni paesi dell’Europa (già precedentemente fanalini di coda), la situazione economico-sociale, è in fase di peggioramento evidente.

Le speranze occupazionali, e di sviluppo della produttività, appaiono cupe nel nostro paese.

A ciò si aggiunge, il fatto che la disoccupazione giovanile, ha raggiunto il massimo storico del 37%, più di un giovane su tre, tra i 15 ed i 24 anni, resta ancora senza occupazione.

La disoccupazione totale, invece, è ferma all’11, 1% quota comunque inquietante. Il timore è che l’Italia possa entrare in una spirale di povertà, con un’impennata nella diseguaglianza sociale, da cui con difficoltà e senza misure concrete di intervento economico-politico, sarebbe possibile uscirne.

L’aspetto desolante delle valutazioni provenienti da Bruxelles, è che, con difficoltà si prevede che il nuovo anno, possa portare un miglioramento nelle condizioni economiche del nostro paese.

Non resta che sperare nelle prossime elezioni!